Tommaso Alabardi è il nuovo presidente del consiglio studentesco

MACERATA - Il 25enne iscritto a scienze Poltiche, già coordinatore di Officina Universitaria espone già un programma da sottoporre alle istituzioni accademiche e cittadine: "Consigliere comunale aggiunto, aggiornamento linea wi-fi, trasporto pubblico e problema della carenza degli spazi nei dipartimenti sono le priorità"
- caricamento letture
Tommaso Alabardi, coordinatore Offina Universitaria. L'associazione ha ottenuto il 47% dei voti

Il nuovo presidente del consiglio degli Studenti, Tommaso Alabardi

E’ Tommaso Alabardi il nuovo presidente del consiglio degli Studenti dell’Università di Macerata. Lo studente di scienze Politiche, 25 anni, già coordinatore dell’associazione Officina Universitaria primo movimento alle ultime elezioni studentesche (leggi l’articolo) è entrato ufficialmente in carica oggi in seguito ad una votazione interna dei consiglieri.

«Pare che l’Italia non voglia più scommettere sull’umanesimo – queste le prime parole del neo presidente – Lo dimostra il nuovo decreto che regola la ripartizione del Fondo Finanziamento Ordinario, che da quest’anno si basa sul modello di costo standard per studente, e per ovvi motivi non va a vantaggio delle Università umanistico-sociali. Una sorta di rifiuto del passato, nell’ottica di un appiattimento su una dimensione esclusivamente tecnica dei saperi. In questi anni invece l’Università di Macerata ha scommesso sull’umanesimo e i risultati si sono rivelati ottimi, alla luce dell’aumento delle immatricolazioni del 27%. E’ importante quindi, che anche la città di Macerata e l’amministrazione comunale facciano la propria parte, cogliendo la centralità dello studente nell’economia maceratese, istituendo la figura del consigliere comunale aggiunto e aggiornando la linea wi-fi che ad oggi è caratterizzata per i suoi malfunzionamenti. L’appetibilità e l’unicità della nostra Università può essere raggiunta attraverso un processo costante di internazionalizzazione, che soprattutto in un ambito umanistico-sociale, si rivela sempre più una carta vincente. Penso che l’Università debba proseguire con grande perseveranza sulla strada intrapresa, puntando anche su progetti di breve durata che ad oggi sembrano i più appetibili tra gli studenti. Caratterizzarsi come polo umanistico-sociale, significa anche garantire servizi di qualità agli studenti e porsi all’avanguardia in tema di welfare studentesco, incominciando dal rinnovo del sistema Esse3 e dell’apertura domenicale del Casb. Prioritaria rimane anche la questione del servizio di trasporto pubblico cittadino e regionale, elementi cruciali per garantire da una parte la mobilità interna alla città, dall’altra che tutti gli sforzi fatti fino ad ora non siano controbilanciati da un sistema di trasporto regionale inefficiente. Per ultimo, non sicuramente per importanza, è il problema degli spazi che l’università e l’Ersu oggi si trovano ad affrontare. Fondamentale sarà per tutta la rappresentanza studentesca impegnarsi per dar voce a quegli studenti che oggi vivono una situazione di disagio, in particolare al Dipartimento di Studi Umanistici. Tutta l’attività del consiglio degli Studenti e della rappresentanza studentesca sarà orientata alla trasparenza e al coinvolgimento trasversale degli studenti. Ritenendo quindi, il coinvolgimento e la partecipazione attiva degli studenti un indice del fermento civile della nostra Università, penso sia opportuno  predisporre finalmente aulette e spazi a disposizione della rappresentanza studentesca: una scelta che, oltre ad essere nell’interesse degli studenti, rappresenterebbe il riconoscimento dell’importanza della rappresentanza e della sua funzione, dando l’immagine di un ateneo che è innanzitutto una comunità partecipata, aperta e solidale, il cui cammino è frutto di scelte condivise».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X