Prosegue l’emergenza acqua a Tolentino

TOLENTINO - Vietato l’acquedotto comunale per bere, cucinare e lavare frutta e verdura. Svolti sopralluoghi per appurare le cause che hanno creato l'anomalia. Il direttore Corvatta: I risultati delle analisi non arriveranno prima di domenica"
- caricamento letture
acqua 0

Clicca sull’immagine per guardare il video

 

La zona dove

La zona di Tolentino interessata dall’ordinanza che vieta l’uso dell’acqua per scopi alimentari

di Marco Cencioni

Problema nell’impianto idrico di palazzo Parisani Bezzi, continua l’emergenza acqua potabile che sta interessando una parte dei residenti nel centro storico di Tolentino. Il sindaco Giuseppe Pezzanesi, a scopo precauzionale, è stato costretto a vietare ieri sera, con un’ ordinanza, l’uso dell’acqua distribuita dall’acquedotto comunale per scopi alimentari diretti – ossia bere, cucinare e lavaggio frutta e verdure –  consentendone tutti gli altri usi – come lavarsi o lavare le stoviglie, pentole, piatti,etc. – ordinanza estesa a tutta la giornata di oggi e, con ogni probabilità, a quella di domani, visto che solo entro il primo pomeriggio di domenica saranno disponibili gli esiti degli esami predisposti dall’Asur di Macerata. Gianni Corvatta,  direttore dell’Arpam Macerata e direttore tecnico scientifico Arpa Marche, infatti spiega: “Le analisi sono abbastanza complesse, così come richiesto dall’Asur, ci sono tempi tecnici”.  Il direttore, poi, sottolinea: “Il motivo per cui riusciremo solo nel primo pomeriggio di domenica a dare i risultati è molto semplice. I campioni sono stati recapitati al dipartimento di Macerata soltanto verso le 15,15 della giornata di oggi. Abbiamo subito iniziato ad effettuare le analisi, i colleghi rientreranno domani e anche domenica per terminare tutto il lavoro previsto. L’unica cosa che mi sorprende un po’ è la problematica che si è creata relativamente a questo ritardo: l’ordinanza è stata emanata dal sindaco ieri sera e purtroppo i campioni sono stati prelevati con un drammatico ritardo a mio avviso”. Corvatta conclude affermando che le analisi richieste “sono molto approfondite di tipo sia batteriologico che chimico.  In particolare, quelle chimiche riguardano i parametri di inquinamento ma anche, ad esempio, quelli per la determinazione dei metalli pesanti e quindi tutti gli inquinanti che in qualche modo sono imputabili all’evento o al fenomeno che si è registrato di cui conosciamo un po’ poco, poichè l’ordinanza e le problematiche connesse alla stessa non sono state comunicate, quindi non abbiamo grandi riferimenti”.

Gianni Corvatta, direttore Arpam

Gianni Corvatta, direttore Arpam

Tutto è partito ieri mattina quando la municipalizzata Assm si è accorta, dai soliti controlli fatti sul consumo dell’acqua, di un’anomalia riscontrata in un edificio nel centro della città. Le indagini hanno portato ad individuare una perdita dal palazzo Parisani Bezzi, con una quantità d’acqua che si è andata a riversare all’interno dell’acquedotto. Sono stati svolti sopralluoghi per appurare le cause che hanno creato la perdita. Come da prassi in questi casi, è comunque scattata l’ordinanza preventiva che vieta l’utilizzo dell’acqua per uso alimentare. Pertanto i residenti in viale dei Cappuccini, via F. Filzi, viale G. Murat, viale C. Battisti, via Tambroni, via della Pace, via L. Zampeschi, via Parisani, via Massi, piazza S. Giovanni Bosco, via A. Gramsci e in particolare nelle seguenti vie: San Nicola e vie traverse, via Oberdan e vie traverse, via S. Catervo e traverse, via Valporro e traverse, piazza della Libertà, piazza Mauruzi e traverse, piazza Madama e traverse, piazza Vaccaj, via Filelfo e traverse e inoltre in via Nazionale lato sinistro direzione mare fino all’incrocio con viale della Repubblica non possono utilizzare l’acqua potabile.

acqua 3Per rifornire i residenti in queste zone è stato previsto un servizio di emergenza con l’attivazione di un punto di distribuzione di acqua potabile mediante una cisterna posizionata in piazza della Libertà e di una cisterna posizionata in piazza Martiri di Montalto le quali saranno attive dalle ore 8 alle ore 20. Per segnalare problemi particolari di anziani o persone sole che hanno difficoltà di rifornimento di acqua o per maggiori informazioni si può contattare: A.S.S.M. tel. 0733.95601 (dopo le ore 18, sabato e domenica tel. 0733.956030) – Polizia Municipale tel. 0733.901263/329.2304615 Reperibilità Settore Lavori Pubblici tel. 329.2986273.

acqua 2



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X