Caso Tintoretto, la Monteverde:
“Deve restare a Macerata”

MACERATA - L'assessore alla cultura interviene sul dibattito dell'opera contesa che ha visto l'intervento di Vittorio Sgarbi. Il critico d'arte vorrebbe che il quadro, da sempre collocato nella chiesa delle Vergini, sia esposto anche ad Urbino dove si trova già dal 19 dicembre per una mostra. Il parroco: «Ho scritto a tutte le istituzioni poiché ero rimasto molto ferito del fatto che si affermasse che la chiesa non è officiata quando invece teniamo tutte le funzioni ed è sempre gremita di fedeli. La questione della tela mi interessa di meno poiché non appartiene alla parrocchia»
- caricamento letture
Il quadro ammirato da una folla ad Urbino

Il quadro ammirato da una folla ad Urbino

di Marco Ribechi

«Nessun pericolo che il dipinto venga dislocato in un’altra sede. E’ giusto che le opere non siano sradicate dal loro contesto d’origine». Questa la decisa posizione del comune di Macerata nelle parole del suo assessore alla cultura, Stefania Monteverde, in seguito alla polemica innescata tra Vittorio Sgarbi (leggi l’articolo) e la chiesa delle Vergini. Per l’assessore l’Adorazione dei Magi deve rimanere a Macerata e nella sua chiesa. «La discussione sulla paternità della tela entusiasma da anni la comunità scientifica e i critici d’arte – continua la Monteverde – anzi ricordo che proprio nel 2007, in occasione della mostra sul De Magistris a Caldarola, lo stesso Sgarbi attribuì il dipinto non al Tintoretto ma a suo figlio Domenico. Allo stesso tempo sono grata all’ex parlamentare per aver riacceso la discussione perché getta luce sulla nostra città valorizzandone il patrimonio artistico. Le opere d’arte sono prestate in continuazione da un museo all’altro. L’Adorazione dei Magi è stata esposta addirittura a Buenos Aires ma il ritorno è sempre stato previsto». Intanto il parroco della chiesa di Santa Maria delle Vergini, da dove è partita tutta la polemica, è interessato a questioni più spirituali rispetto a quelle materiali. Il religioso si è risentito più per le parole verso la chiesa che per la perdita del dipinto destinato a fare delle trasferte come vorrebbe Sgarbi.

L'Adorazione dei Magi nella sua interezza

L’Adorazione dei Magi nella sua interezza

«Ho scritto a tutte le istituzioni poiché ero rimasto molto ferito del fatto che si affermasse che la chiesa non è officiata dice padre Teodoro Brovelli – noi svolgiamo regolarmente tutte le funzioni e la nostra chiesa è sempre gremita di fedeli. Per quanto riguarda il quadro la questione mi interessa di meno poiché non appartiene alla parrocchia. Il proprietario dell’opera e dello stesso edificio è il demanio pubblico poiché entrambi fanno parte del patrimonio monumentale e artistico italiano, naturalmente saremo lieti di poterlo presto ammirare di nuovo nella sua casa». Soprattutto dopo che il critico Sgarbi lo ha attribuito al padre di Domenico Robusti, ben più noto nel campo artistico. Un valore in più per la tela che porrebbe anche questioni di sicurezza. Per il Comune però la questione non si pone. «Le chiese italiane sono piene di capolavori – dice l’assessore Monteverde – basti pensare ai Caravaggio dislocati nei luoghi di culto romani. Questo è proprio il nostro patrimonio che rende l’Italia unica al mondo. In caso il problema sarà di accessibilità nei termini di renderlo godibile a tutti i turisti che avranno un motivo in più per visitare la nostra provincia». Intanto il quadro, in prestito dal 19 dicembre scorso, non è ancora tornato a Macerata e ad Urbino si continua a pagare 2,50 euro per vederlo.

Stefania Monteverde

Stefania Monteverde



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X