Schiamazzi fuori dal Donoma, Marzetti: “C’è chi non dorme e il Comune la prende come sponsor”

CIVITANOVA - Il consigliere del Nuovo Centrodestra critica la decisione dell'assessore alla Cultura Giulio Silenzi per aver speso elogi a favore della discoteca che finanzia lo spettacolino del videomapping
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il consigliere comunale di centrodestra Sergio Marzetti

Il consigliere comunale di centrodestra Sergio Marzetti

Schiamazzi fuori dal Donoma, dopo la doppia petizione continuano le polemiche. A riproporre il problema, attaccando la giunta, è il consigliere del Nuovo Centrodestra Sergio Marzetti. «Reputo quantomeno irriverente che mentre da una parte i cittadini raccolgono le firme per protestare contro gli schiamazzi – dice il consigliere – gli atti di inciviltà e il vandalismo dei clienti che escono dal Donoma, dall’altra l’ assessore allo spettacolo Giulio Silenzi si spenda in pubblici elogi a favore della discoteca che finanzia lo spettacolino del videomapping. A Silenzi faccio sapere che i residenti hanno trascorso ieri l’ ennesima notte in bianco e da un anno reclamano invano la ” presenza ” delle istituzioni per porre rimedio ad una situazione paradossale». Lo spettacolo del videomapping, fatto di colori e luci, è stato proiettato ieri (sabato 20 dicembre) su Palazzo Sforza (leggi l’articolo). Sponsor proprio il Donoma. «Mentre a lui interessa solo inchinarsi dinanzi a chi gli sponsorizza le iniziative – continua Marzetti – nel caso non lo sapesse (non si sa mai), lo informo che le ultime firme per sollecitare un intervento sono state depositate la settimana scorsa e sono ben 200, ma il sindaco neanche si è degnato di far sentire la sua voce, se non altro di comprensione. In compenso gli stessi residenti firmatari sono costretti a godersi in piazza il videomapping con il nome DONOMA campeggiare sul fondo per tutta la sua durata, mentre Silenzi si pavoneggiava spendendo elogi a favore. E’ una cosa vergognosa, è mancanza di rispetto. Significa solo fregarsene dei cittadini che non chiedono ninnoli e giochini ma che venga rispettato il diritto elementare al riposo e alla sicurezza».  «Sia ben chiaro che io non ce l’ho con il DONOMA – precisa il consigliere – che ha in mano tutte le autorizzazioni ed ha costruito una realtà considerata la numero uno della regione. Io ce l’ho con chi ha firmato quelle autorizzazioni in quel posto, senza pensare agli effetti che una discoteca avrebbe trascinato con sé. E ce l’ ho con chi, pur essendo responsabile di quanto sta accadendo, dimostra un’ inerzia assoluta nella soluzione si un problema, soluzione che non può passare di certo attraverso un impianto di videosorveglianza. E siccome a pensar male non si sbaglia mai, come diceva un grande politico, adesso capisco perché al Palazzo non importa nulla dei cittadini: lo sponsor ha sempre ragione e a Silenzi sta più a cuore far mostra di sé e delle sue iniziative che non le firme, i problemi, le notti insonni, atti di inciviltà e danni».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X