Rescisso l’affitto,
il Comune risparmia 54mila euro

CIVITANOVA - Era il contratto di via Catalafimi che ospitava la Consulta. Pagava 3mila euro al mese. Trasferite in altra sede tutte le attività
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il Comune di Civitanova

Il Comune di Civitanova

Spostata la sede della Consulta, il Comune risparmia 54mila euro. Decisa ieri in giunta la cessazione anticipata del contratto di affitto dell’immobile di via Calatafimi di proprietà di un privato al quale il Comune pagava la locazione. L’Ente infatti in passato aveva sottoscritto un impegno pluriennale di locazione, per un canone di 3mila euro mensili. Il sindaco Corvatta ha deciso la scorsa estate, al fine di contenere la spesa, di trasferire in un’altra sede le attività che venivano svolte nella struttura, tutte con finalità sociali della Consulta delle associazioni di volontariato, dell’Ambito XIV e sede dell’emporio della solidarietà, comunicando l’intenzione di estinguere anticipatamente, a fine 2014, il contratto in essere. La proprietà si era opposta a tale decisione, rimarcando le spese di ristrutturazione sostenute su indicazione degli uffici comunali per l’adeguamento dei locali. Dopo una trattativa, tra l’Ente e i legali della proprietà, si è concordata una transazione che ha evitato un contenzioso, con accordo di non ricorrere ad azioni legali. Il Comune di Civitanova verserà il canone di locazione per i primi 6 mesi del 2015. Il contratto si estinguerà anticipatamente rispetto alla scadenza, prevista per fine 2016. Per le casse comunali si avrà quindi un risparmio di 18 mensilità, per un totale di 54.000 euro.

(l.b.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X