Molo chiuso per sicurezza
Il caso Civitanova arriva in Parlamento

IL DIVIETO - Il provvedimento adottato dalla Capitaneria di porto sarà oggetto di una interrogazione da parte del deputato Luciano Agostini (Pd). Sarà chiesto di affrontare il problema per restituire il braccio est ai cittadini
- caricamento letture

transenne porto

Il molo foraneo di Civitanova sbarca in Parlamento. La questione che in questi giorni sta facendo discutere la città relativa alla chiusura del braccio est del porto (leggi l’articolo) arriverà a Roma con un’ interrogazione parlamentare promossa da Luciano Agostini del Pd. A darne notizia è il capogruppo del Partito democratico locale Mirella Franco che parla di «Un provvedimento che, pur nel rispetto delle leggi del codice marittimo che negli anni sono state sempre le stesse e delle prerogative dell’autorità marittima, sta pesantemente impattando sulle abitudini dei civitanovesi, alcuni  di loro peraltro colpiti da pensanti sanzioni (leggi l’articolo), fino a mille euro, perché  sorpresi a passeggiare su quel tratto del molo che per decenni è stato meta di famiglie, punto di riferimento per pescatori e che adesso viene vietato a  pedoni, ciclisti e appassionati della pesca sportiva». Nell’interrogazione parlamentare il Pd chiede di affrontate e risolvere urgentemente il problema per poter restituire ai civitanovesi uno dei luoghi a loro più cari.

(l. b.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X