Cavalcavia al giro di boa
Consiglio comunale per il voto delle linee guida

CIVITANOVA - L'assise sottoporrà a voto un progetto di massima che impegna la giunta a portare avanti nelle sedi opportune un piano di viabilità ambizioso che dovrà passare anche per il ministero con la realizzazione della rotatoria sulla strada statale 77, parte terminale del progetto Quadrilatero
- caricamento letture
Il progetto della nuova viabilità che prevede la rotatoria alla fine della SS77.

L’assessore Potea mostra il progetto della nuova viabilità che prevede la rotatoria alla fine della SS77

di Laura Boccanera

«Finalmente un atto concreto contro il cavalcavia». Tira un sospiro di sollievo l’associazione “No al cavalcavia” che gioisce delle linee guida che dovranno essere approvate domani sera in consiglio comunale. L’assise infatti sottoporrà a voto un progetto di massima che impegna la giunta a portare avanti nelle sedi opportune un piano di viabilità ambizioso e che dovrà passare anche per il ministero con la realizzazione della rotatoria sulla strada statale 77, parte terminale del progetto Quadrilatero. «Nel novembre 2010 – ricorda Gaetano Coppola del movimento – la maggioranza approvò l’incomprensibile e miope opera contro il volere della maggior parte della cittadinanza e questo gli fu poi fatale alle elezioni 2012. E ora dopo 4 anni esatti sarà proprio una delibera del rinnovato consiglio che cancellerà lo scellerato progetto, indicando così in maniera chiara e inequivocabile la scelta di Civitanova. La prevista rotatoria alla fine della strada statale 77 da tutti sempre auspicata, accompagnata fra l’altro da una progettualità viaria più ampia, sarà la migliore risposta a coloro che in questi anni strumentalmente avevano indissolubilmente legato la sua realizzazione a quella del cavalcavia. Il voto di domani – continua Coppola – sarà il primo concreto passo di quell’iter e saremo presenti a questo importante momento con tutta la soddisfazione di chi vede coronati gli enormi sforzi profusi e vede riconosciute le proprie ragioni». Non è dello stesso avviso il consigliere regionale Ottavio Brini che sul progetto di viabilità cittadina e in particolare sulla rotatoria sostiene che il caso è passato in commissione consiliare ad Ancona in Regione. «Dalla IV Commissione è emerso che la realizzazione della rotatoria non è stata possibile – dice Brini – perché mancava la copertura finanziaria. Per questo nel luglio 2013 la società Quadrilatero ha richiesto al ministero competente i fondi necessari. Inoltre sulla questione dei sottopassi ferroviari per i quali Costamagna asserisce che ci sarebbero 3 milioni di finanziamenti tra fondi Fas e regionali e 2 milioni dalle Ferrovie, la commissione da me sentita ha dichiarato di essere all’oscuro di tutto. Ho deciso di presentare interrogazione in merito al dirigente settore trasporti. Non vorrei fosse il solito spot della sinistra civitanovese».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =