Raid dei banditi nella notte:
inseguimenti e furti

POLLENZA - I ladri hanno agito prima nel distributore Agip sulla provinciale tra Casette Verdini e Tolentino, sorpresi dai carabinieri sono fuggiti senza rubare nulla. Poi hanno messo a segno un colpo a Treia. Alcuni uomini sono poi stati fermati per accertamenti a Urbisaglia
- caricamento letture
Un'auto dei carabinieri

Un’auto dei carabinieri

di Gianluca Ginella

Una banda in azione nella notte: nel mirino due bar, a segno un furto a Chiesanuova di Treia, sfumato un altro colpo a Pollenza con i ladri che sono scappati per via dell’intervento dei carabinieri. Alcuni uomini sarebbero stati fermati a Urbisaglia e sarebbero in corso accertamenti per capire se si tratti dei malviventi che hanno agito nei due bar.

Mancano pochi minuti alle 4 di questa mattina quando due uomini scendono da un’auto al distributore dell’Agip che si trova lungo la provinciale che da Casette Verdini di Pollenza va a Tolentino. Lì c’è un bar tabacchi: con tutta probabilità è l’obiettivo dei due uomini che sono appena scesi dall’auto e che lì hanno intenzione di mettere a segno un furto. Ma i ladri non hanno però nemmeno il tempo di avvicinarsi perché sul posto arrivano i carabinieri della stazione di Pollenza che stanno facendo un giro di pattugliamento perché sanno che in giro potrebbe esserci una banda specializzata nei furti con spaccata nei bar. I due uomini come vedono i carabinieri si lanciano nei campi e si mettono a correre. A quel punto i carabinieri iniziano a battere le campagne lungo la ferrovia per cercare di ritrovarli. Passa circa un’ora e mezza e, con tutta probabilità gli stessi malviventi tornano ad agire. Questa volta a Chiesanuova di Treia. Al bar Lory. Lì i banditi scassinano la porta d’ingresso, entrano, e poi scassinano le macchinette slot e cambiamonete. Magro il bottino: 150 euro. Qualche ora più tardi i carabinieri di Urbisaglia, da quel poco che trapela, avrebbero fermato tre o quattro persone sospette, si tratterebbe di romeni. Gli accertamenti degli investigatori sono in corso, per capire se si tratti dei malviventi che hanno agito a Chiesanuova e a Pollenza.

Un altro furto, forse compiuto dalla medesima banda, era stato tentato un paio di giorni fa, sempre a Pollenza Scalo, al bar Ruffini. In quel caso cinque malviventi incappucciati, usando un piccone, hanno cercato di rompere la saracinesca del bar. Una vicina ha visto ciò che stava accadendo e ha chiamato i carabinieri di Pollenza che sono intervenuti e i ladri sono stati costretti a lasciare perdere il furto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X