Inseguito per le vie del centro
lancia un cartello stradale
ai poliziotti, arrestato

CIVITANOVA - In manette il 21enne Danny Vico, che si è dato ad una rocambolesca fuga a piedi sotto gli occhi attoniti di centinaia di persone. Trovate anche due moto rubate nella sua abitazione
- caricamento letture

polizia_notte

di Laura Boccanera

Inseguimento e momenti di forte concitazione, con lancio di un segnale stradale contro i poliziotti, l’altra notte in pieno centro a Civitanova sotto gli occhi attoniti di centinaia di persone. Il parapiglia è scoppiato poco dopo l’una di domenica mattina quando alcuni agenti della polizia del commissariato di Civitanova, al termine di un’attività mirata di indagine, si sono appostati in via Trieste. Lì hanno visto un 21enne, Danny Vico, carrozziere, incontrarsi con un 35enne, civitanovese. Quest’ultimo si è accorto dei poliziotti e si è allontanato, Vico non si è mosso. Quando gli agenti gli hanno chiesto i documenti il giovane si è dato alla fuga. Ne è nato un inseguimento lungo via Trieste verso piazza XX Settembre. Il 21enne ha afferrato un palo metallico usato per la segnaletica stradale e lo ha lanciato contro un poliziotto, che però è riuscito a schivarlo. Poi l’inseguimento è continuato in piazza XX Settembre e poi in via Conchiglia e in via Nave. Il giovane all’altezza dell’incrocio con vicolo Nettuno si è disfatto di sei involucri gettandoli in una fioriera (in seguito sono stati recuperati: all’interno c’erano 3 grammi di cocaina). L’inseguimento ha creato il panico in mezzo alla gente che a quell’ora era ancora a spasso o nei locali della movida. Alla fine il giovane è stato placcato in vicolo Marte, immobilizzato e perquisito. Controllata anche l’auto posteggiata poco distante e nella quale è stato ritrovato uno sfollagente telescopico metallico, che è stato sequestrato.

L'avvocato Massimiliano Cingolani

L’avvocato Massimiliano Cingolani

La polizia ha poi continuato la perquisizione anche a casa dove sono state ritrovate due moto da cross di grossa cilindrata entrambe risultate oggetto di furto (una presentava il numero di telaio parzialmente abraso) denunciate dai proprietari per furti rispettivamente commessi a Civitanova e a Casette d’Ete.  Il 21enne è stato arrestato e posto agli arresti  domiciliari nella propria abitazione. Questa mattina è stato convalidato, al tribunale di Macerata, l’arresto di Vico (assistito dall’avvocato Massimiliano Cingolani). Il pm Francesca D’Arienzo ha chiesto per il giovane l’obbligo di dimora e il divieto di uscire di casa la sera tra le 22 e le 6,30. Richieste accolte dal giudice Ilaria Pia Maria Maupoil.

(Ultimo aggiornamento alle 17)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X