Strategie per la Macroregione,
primo incontro pubblico ad Ancona

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE - E' Iniziata oggi la due giorni di lavori tra i paesi dell'area adriatico-ionica per la predisposizione del nuovo programma Adrion. L'assessore Giorgi: "La scelta, condivisa tra tutti i Paesi interessati, di svolgere qui il primo incontro pubblico è il riconoscimento alla Regione Marche e al suo presidente Gian Mario Spacca del lavoro svolto negli ultimi anni, che sarà approvato in ottobre a Bruxelles"
- caricamento letture
La sessione dei lavori per la programmazione strategica della Macroregione

La sessione dei lavori per la programmazione strategica della Macroregione

E’ iniziata oggi in Regione la due giorni di lavori tra i paesi membri della Strategia della Macroregione per la predisposizione del nuovo programma di Cooperazione Territoriale Europea Adriatico Ionico (Adrion). “La scelta, condivisa tra tutti i Paesi interessati – ha detto l’assessore alle politiche comunitarie Paola Giorgi – di svolgere ad Ancona il primo incontro pubblico per la costruzione del programma, è il riconoscimento alla Regione Marche e al suo presidente Gian Mario Spacca del lavoro svolto negli ultimi anni sulla Strategia macroregionale Adriatico-Ionica, che vedrà la sua approvazione ad ottobre da parte di Bruxelles”. Secondo quanto indicato dalla Commissione Europea il nuovo programma transnazionale Adriatico Ionico (Adrion 2014 – 2020) prevede il forte coinvolgimento di quattro paesi dell’UE (Grecia, Italia e Slovenia, e Croazia) e quattro paesi non Ue (Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Serbia), aventi lo stesso ambito territoriale di applicazione della futura strategia dell’Unione europea per la Regione adriatico-ionica.
Il programma, che avrà a disposizione 99,2 milioni di euro (in gran parte provenienti dal Fondo europeo di sviluppo regionale) sarà composto da quattro assi tematici: ricerca e sviluppo, ambiente, trasporti e capacità istituzionale. I primi tre assi del programma saranno sviluppati al fine promuovere la prosperità sostenibile, economica e sociale dell’area, rafforzando l’identità comune della regione adriatico-ionica e migliorandone l’attrattività, la competitività e la connettività nel rispetto degli ecosistemi marittimi e ambientali. Il quarto asse riguarda la “capacita istituzionale ed amministrativa” e quindi sostegno alla governance nell’ambito dell’attuazione  dei diversi  programmi comunitari e di conseguenza con un forte impatto sulla strategia macroregionale adriatico  ionica.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X