Anche gli operatori di Macerata dicono no alle sagre selvagge

Riunione regionale di Asimprese ieri al "Tarantino"
- caricamento letture
gruppo_tarantino

I rappresentanti di Asimprese che hanno partecipato all’incontro di ieri al ristorante Il Tarantino di Passo del Bidollo

Dopo l’appello giunto dall’entroterra maceratese con un lettera firmata da oltre 600 operatori (leggi l’articolo) arriva anche dalla sezione maceratese di Asimprese, l’associazione sindacale regionale che raggruppa albergatori, ristoratori, concessionari di spiaggia, pubblici esercizi e aziende operanti nell’indotto turistico, la richiesta di una regolamentazione nella concessione delle licenze per le sagre. “Troppo spesso – ha infatti affermato Elisabetta Ferretti, presidente del coordinamento maceratese dell’associazione sindacale – si tratta di meri momenti di ristorazione al di fuori di qualsiasi controllo e di qualsiasi forma di tassazione. Per questo chiederemo ai Comuni della Provincia delucidazioni sulla modalità con la quale le sagre vengono regolamentate”. Perché per gli operatori, in particolar modo per quelli che lavorano nel settore ristorativo, nella maggior parte dei casi una sagra finisce per rappresentare un momento di concorrenza sleale anziché un evento che serva davvero a valorizzare il prodotto tipico.

Quello delle sagre è stato uno dei punti all’ordine del giorno della riunione del direttivo andata in scena ieri sera a Macerata, al ristorante “Il Tarantino” e alla quale hanno partecipato anche tutti i rappresentanti della scena regionale. E’ stato fatto il punto su quali siano i problemi specifici delle varie aree e quali invece i punti in comune per l’intero territorio regionale. Il presidente regionale Luca Cantalamessa ha ascoltato le problematiche e i progetti portati da tutte le varie rappresentanze territoriali dell’associazione. La Ferretti, oltre a relazionare sulla ristorazione, ha affrontato anche tematiche di carattere generale legate al comparto turistico, sia sul fronte del capoluogo sia su quello civitanovese e costiero. Asimprese Ancona, rappresentato dalla presidente provinciale Maria Rita Notari ha invece acceso i riflettori sulle difficoltà dell’indotto viaggiando sulla stessa sintonia del portavoce delle imprese fornitrici associate Luigi Santori. Nell’occasione il direttivo ha dato il benvenuto al delegato Asimprese del comprensorio di Ascoli Piceno Emidio Cicconi. Le conclusioni, sono state fatte dal segretario regionale Massimo Pompei che ha ribadito la necessità di una coesione tra le varie componenti dell’associazione al fine di creare un gruppo la cui solidità consenta di superare le ben note difficoltà attuali. Il tavolo ha inoltre definito gli ultimi dettagli per l’incontro che si terrà lunedì 24 marzo alle 15 a San Benedetto , allo stabilimento balneare “La Bussola”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X