Presentato “Nati per leggere”

MACERATA - Per promuovere la lettura ad alta voce ai bambini in età prescolare e sviluppare la conoscenza dei benèfici effetti che questa prassi ha nella loro crescita.
- caricamento letture

nati-per-leggere-1-300x199Tante persone questa mattina nella sala Castiglioni della Biblioteca comunale Mozzi Borgetti per la presentazione ufficiale di Nati per leggere, Leggere è familiare il progetto che nasce dall’intesa tra Comune, Provincia, Asur, Università degli studi, Federazione dei pediatri, Rete per le Biblioteche scolastiche, Associazione Biblioteche italiane e Collegio provinciale delle ostetriche, per promuovere la lettura ad alta voce ai bambini in età prescolare e sviluppare la conoscenza dei benèfici effetti che questa prassi ha nella loro crescita.  All’incontro aperto dal saluto del sindaco Romano Carancini, dell’assessore alle Politiche scolastiche Stefania Monteverde e da Leonardo Lippi assessore ai Servizi sociali della Provincia hanno partecipato Anna Ascenzi, docente dell’Università degli studi, Lucia Tubaldi, pediatra, e Maria Rita Mazzoccanti della Direzione medica ospedaliera dell’Asur 3, Alessandra Sfrappini direttrice della Biblioteca comunale che ospita il progetto, Costantino Gobbi medico pediatra, Anna Luigia Rinaldi coordinatrice della rete delle Biblioteche scolastiche.

nati-per-leggere-3-300x195L’importanza di aver creato un tavolo che coordina e mette in rete, quindi potenzia le grandi capacità espresse dalle tante iniziative già presenti sul territorio è stata più volte messa in rilievo durante l’incontro. Finalità e operatività di Leggere è familiare sono state invece dettagliatamente illustrate da Elena Carrano, coordinatrice del progetto che si pone anche una impegnativa sfida operativa, raggiungere cioè famiglie e gruppi di popolazione in condizioni di maggior svantaggio sociale e culturale. Tutti possono aderire al progetto Nati per leggere Leggere è familiare come lettori volontari o come collaboratori alle varie fasi del progetto.

nati-per-leggere-2-300x199Il progetto:

Quattrocento proposte in tutto il territorio nazionale e circa 1.200 i comuni italiani impegnati nel progetto Nati per leggere, promosso dall’Associazione nazionale pediatri italiani, dal Centro nazionale per la Salute del Bambino onlus e dall’Associazione Nazionale Biblioteche. Il Comune di Macerata ha aderito ufficialmente al progetto nel 2012 condividendone gli obiettivi e impegnandosi nella promozione delle lettura tra i bambini convinta che questa  pratica, soprattutto se esercitata in famiglia, favorisca il benessere sociale e prevenga situazioni di disagio. Per questo il Comune di Macerata si è fatto promotore di un protocollo d’intesa sottoscritto recentemente  dalla Provincia di Macerata, dall’Università di Macerata, dall’Asur Marche – Area vasta 3, dalla Federazione Italiana Medici Pediatri – Sezione della provincia di Macerata, dal Collegio provinciale delle ostetriche – Macerata, dalla Rete delle biblioteche scolastiche della provincia di Macerata, dall’Associazione Italiana Biblioteche – AIB Marche e dall’Associazione Culturale Pediatri – ACP Marche,  da cui è scaturito un progetto territoriale denominato Leggere  è familiare. Si tratta di un’iniziativa che ha una connotazione culturale e sociale, in grado di creare relazioni  importanti per la crescita dei bambini. Il tavolo tecnico di coordinamento, aperto a enti, associazioni, privati e a tutti coloro che si riconoscono nelle finalità di Nati per leggere, è già attivo ed è al lavoro per definire linee guida, struttura organizzativa e metodologia di lavoro per attivare, implementare e rendere capillare il progetto su tutto il territorio provinciale dentro un percorso in cui continuare a muoversi. In particolare l’impegno del Comune di Macerata a favore della lettura si è trasformato concretamente nella promozione di alcune iniziative come, ad esempio, Libriamoci nelle scuole, con il dono di un libro ad ogni bambino che frequenta gli asili nido comunali in occasione del Natale, le lettura a voce alta nella biblioteca e così via.  E a proposito di biblioteche, alla Mozzi Borgetti è stato attivato anche il servizio di prestito di libri per bambini. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X