Riorganizzazione, buoni pasto e “supplement”
La Cgil ammonisce l’Università

MACERATA - Benfatto: "Situazioni non trascurabili". Alla governance dell'ateneo viene richiesto il rafforzamento dei rapporti con le associazioni sindacali
- caricamento letture
cgil_benfatto_cingolani

Aldo Benfatto e Giampiero Cingolani

cgil_renga_cicare

I rappresentanti sindacali Alberto Cicarè e Antonio Renga

di Alessandra Pierini

Cartellino giallo da parte della Cgil all’Università degli studi di Macerata. L’Ateneo e in particolare la governance, composta dal rettore Luigi Lacchè e dal direttore amministrativo Mauro Giustozzi, sarebbe colpevole di aver rallentato un processo di confronto con le associazioni sindacali, iniziato sotto i migliori auspici dopo il pessimo clima che si era instaurato durante l’epoca Sani. «Invitiamo la governance – precisa senza mezze parole il segretario Aldo Benfatto – a non trascinare alle estreme conseguenze questioni sospese perchè siamo pronti ad andare fino in fondo».

Sono diverse le situazioni rimaste aperte. «Il Tar Marche – ha spiegato Giampiero Cingolani della Flc –  ha accolto il nostro ricorso contro un concorso del 2008 con il quale Università che aveva riconosciuto non idonei tre lavoratori. Il Tar ha anche annullato la graduatoria, quindi il soggetto che era stato avanzato ora dovrà tornare al suo posto precedente dopo 5 anni. L’atto riguarda la vecchia amministrazione ed è vero che con la nuova amministrazione il rapporto è sempre stato corrett, ora però ci sono delle criticità da affrontare».

cgil_benfatto_cingolani_2In particolare i rappresentanti sindacali sottolineano la riorganizzazione interna: «E’ necessaria ma andrebbe fatta in maniera condivisa – spiega Alberto Cicarè – e ascoltando chi lavora ogni giorno in prima linea. In questa fase l’Università deve esprimere il massimo dei servizi e puntare sull’attrattività dell’offerta didattica. Tutto va fatto in funzione degli studenti e l’amministrazione non può improvvisare ad esempio andrebbero potenziati i servizi informatici e telefonici».  Gli fa eco Antonio Renga, sempre delle Rsu: «Non si può continuare a rinviare le decisioni. La riorganizzazione ad esempio è prerogativa dell’amministrazione e noi non ci vogliamo sostituire ma chiediamo il coinvolgimento dei dipendenti in un confronto costruttivo».

Altre questioni calde per le quali la Cgil sollecita una soluzione sono la ricostruzione di carriera dei ricercatori che sta richiedendo più tempo del previsto, la sospensione dei buoni pasto in seguito all’entrata in vigore della legge sulla spending review che ne ha ridotto l’importo da 10 a 7 euro e il salario accessorio che hanno chiesto di rivedere.

«Un ulteriore sollecito – sottolinea Cingolani – arriva dagli studenti che al momento non possono accedere al diploma Supplement, certificazione europea in vigore dal 2005 che permette il riconoscimento dei propri titoli nei Paesi dell’Unione».

Conclude Aldo Benfatto: «Noi chiediamo sempre e comunque trasparenza e correttezza e miglioramento dell’organizzazione, soprattutto in considerazione del fatto che l’Università è una ricchezza del territorio. Oggi la governance è cambiata e c’è un buon dialogo che però ha delle fasi di arresto. Chiediamo al rettore e al direttore amministrativo il rafforzamento del rapporto con i sindacati» .

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X