Affitti alle stelle anche per i santi
La statua di San Francesco deve traslocare

MACERATA - Il monumento era su una proprietà delle Ferrovie dello Stato che hanno chiesto una tariffa cinque volte superiore a quella pagata finora. Il parroco ha dovuto rifiutare
- caricamento letture
maceratastazionecappuccini

La chiesa del Santissimo Sacramento vista dalla stazione

di Alessandra Pierini

In un momento di crisi, ciò che conta è incassare. E’ questa la logica che muove un po’ tutti, enti ed aziende. Non ci sono santi che tengano. E proprio San Francesco, guarda caso il santo che si denudò dei suoi averi per votarsi alla povertà e all’amore, ha dovuto traslocare per non pagare troppo di affitto. E’ accaduto a Macerata, davanti alla chiesa del Santissimo Sacramento, meglio conosciuta come Cappuccini Nuovi. All’uscita della galleria che conduce alla vicinissima stazione c’è stata per 20 anni una statua di San Francesco che, insieme a qualche piantina, componeva un bel giardinetto, su un piccolo appezzamento di terra di proprietà delle Ferrovie dello Stato. Per 20 anni la cifra da pagare è stata irrisoria poi, improvvisamente, nei giorni scorsi l’azienda ha comunicato alla parrocchia che il canone d’affitto era aumentato. L’aumento è stato molto più alto del previsto e la tariffa era cinque volte quella pagata finora. Tempi duri per le statue maceratesi: basta guardare quanto accaduto con il monumento a Padre Matteo Ricci, mai realizzato, o alla statua della Massoneria che valutata positivamente dalla commissione sull’ornato pubblico, non ha ancora trovato spazio in Consiglio comunale, organo preposto per dare l’ultima parola sul suo posizionamento (leggi l’articolo). A questo punto Padre Dino, parroco del Santissimo Sacramento ha deciso di trasferire San Francesco davanti all’ingresso della chiesa da dove, da qualche giorno, accoglie i fedeli. Chissà che ora il Comune non decida di fargli pagare l’occupazione di suolo pubblico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X