Dramma al Fontescodella
Muore Vigor Bovolenta

Nel corso della gara di B2 tra la seconda squadra della Lube e Forlì, il noto pallavolista è stato colto da un malore e dopo lunghi tentativi di rianimazione è stato trasportato al Pronto Soccorso dove è giunto in gravissime condizioni. Per lui non c'è stato nulla da fare. Lascia la moglie Federica Lisi e quattro figli
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Vigor_Bovolenta

Si è trasformata in dramma quella che doveva essere una sana serata di sport al Palas di Fontescodella. Vigor Bovolenta, 37 anni, campione di volley che per 21 anni ha calcato i campi della massima serie, era questa sera a Macerata con il Forlì, squadra alla quale aveva scelto di dedicare gli ultimi anni della sua carriera sportiva. Intorno alle 22, poco dopo l’inizio del terzo set della gara contro i ragazzi della B2 della Lube, l’ex azzurro vicecampione olimpico ad Atlanta 1996,  subito dopo aver servito, ha avuto un malore e dopo un capogiro si è accasciato in campo.  “Ha detto mi gira la testa, aiutatemi che cado, si è toccato il fianco dalla parte del cuore” spiega un dirigente della Lube. Immediati i soccorsi dei medici delle due squadre che gli hanno praticato un lungo massaggio cardiaco. E’ stato chiesto l’intervento del 118 e i tentativi di rianimazione sono continuati per un’ora poi Bovolenta è stato trasferito al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Macerata dove è stato ricoverato in gravissime condizioni. Poco dopo le 00.20 è arrivata la tragica notizia: Vigor Bovolenta non ce l’ha fatta, è morto all’ospedale di Macerata.

Nella sala d’attesa, in lacrime, tutti i compagni di squadra, l’allenatore Stefano Mascetti, i dirigenti della Lube e il tecnico della nazionale juniores, Marco Bonitta, che era alla partita per seguire alcuni giovani e che era stato l’allenatore di Bovolenta nelle giovanili di Ravenna.

Vigor abitava a Ravenna con la moglie, Federica Lisi (anche lei ex giocatrice di pallavolo) e i quattro figli. Doveva il suo nome a un trapezista russo che il fratello (morto di leucemia nel 1990) e la sorella avevano visto in un circo.

Centrale di 2 metri e 2 centimetri, Bovolenta  ha esordito con i dilettanti del Polesella prima di essere ingaggiato dal Messaggero Ravenna, nel 1990. Esordì in prima squadra nella stagione 1990-91, anno  in cui la squadra romagnola vinse scudetto e Coppa Italia; con lo stesso club ha conquistato tre Coppe dei Campioni, una Coppa CEV e due Supercoppe Europee. Il 3 maggio 1995 ha esordito in Nazionale, a L’Avana, nella gara persa per 3-1 dagli azzurri contro Cuba.

Ha vestito successivamente le maglie di Conad Ferrara, Piaggio Roma, Iveco Palermo, Unibon Modena (con cui vinse il campionato 2001-02) e Copra Piacenza, con cui disputò tre finali scudetto e vinse una Top Teams Cup. Con la Nazionale ha vinto quattro edizioni della World League, una Coppa del Mondo e due Europei, oltre all’argento ai Giochi olimpici di Atlanta 1996.

(redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X