Emergenza idrica nell’Alto Maceratese
San Ginesio il Comune più colpito

La Tennacola Spa ha deciso da settimane di razionare le risorse idriche a causa della siccità e della neve
- caricamento letture
fonte_tennacola

La fonte del Tennacola

di Alessandra Pierini

Diversi  comuni del Maceratese senz’acqua. Sono almeno 10 giorni che l’acqua del Tennacola è stata razionata sia per problemi legati alla siccità, sia per un guasto dovuto alla neve delle scorse settimane. Uno dei Comuni maggiormente colpiti è San Ginesio: «A seguito di una notevole riduzione delle portate alle sorgenti – recita l’avviso diffuso da Tennacola Spa all’inizio dell’emergenza – che sta mettendo in difficoltà l’approvvigionamento e la distribuzione dell’acqua nel Comune di San Ginesio, l’erogazione idrica sarà interrotta parzialmente nel centro abitato e zone limitrofe al fine di consentire un’adeguata ricarica dei serbatoi.
L’erogazione sarà effettuata nell’arco orario compreso all’incirca tra le 11 e le 15 e tra le 18 e le 21.
Tali orari sono indicativi e potranno variare da zona a zona a seconda dell’andamento dei consumi, senza escludere interruzioni anticipate o in orari diversi, in tutto il territorio comunale, dovute a causa di forza maggiore e per le quali sin d’ora si esclude la possibilità di dare un adeguato preavviso. Si invita quindi la cittadinanza ad utilizzare con parsimonia la risorsa idrica, evitando usi impropri dell’acqua per lavaggio di strade ed automobili, ed a provvedere ad un minimo di scorta idrica nelle proprie abitazioni per far fronte ai bisogni primari». Intanto la mancanza d’acqua finisce anche sul web e proprio ieri è nato anche un gruppo su Facebook dal significativo titolo “Quelli  senz’acqua a San Ginesio”. 
Manca l’acqua per diverse ore della notte anche nei comuni di Loro Piceno, Ubisaglia e Colmurano. La siccità invece ha colpito Penna San Giovanni, Gualdo,  Sant’Angelo in Pontano, Ripe San Ginesio, Petriolo e Mogliano, oltre a diversi altri del Fermano rimasti senz’acqua a causa di «una fortissima siccità che ha ridotto pesantemente la portata delle sorgenti montane, aggravata dalle gelate e dalle dispersioni conseguenti alla rottura dei contatori, che stanno privando Tennacola spa dell’approvigionamento idrico necessario per soddisfare i bisogni della popolazione.
tennacolaLa situazione dovrebbe tornare  presto alla normalità. Ad esempio per quanto riguarda San Ginesio, la causa principale dell’emergenza sembra essere stata l’impossibilità di raggiungere la sorgente e in particolare delle pompe in cui erano terminate le risorse di gasolio, isolate da un muro di neve che solo oggi è stato rimosso.

 

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X