Ragazzi incoscienti:
“moto” d’ira di un genitore

LA LETTERA - Anselmo Tomassucci è preoccupato dopo aver assistito alla bravata di tre ragazzini
- caricamento letture

uscita-scuoleDal nostro lettore Anselmo Tomassucci riceviamo:
«I ragazzi incoscienti che scorazzano con i motorini contromano che si dividono tra scuola, palestra, facebook, computer, telefonino, tv, non avranno tempo di leggere queste poche righe e semmai lo facessero non ci rifletterebbero molto.
E’ più probabile che vi cada l’attenzione dei genitori, sensibili all’ansia da motorino. Da padre di famiglia, è a loro che mi rivolgo: talvolta il “povero cocco” di casa assume comportamenti irresponsabili e troppo pericolosi a vostra insaputa.
Ieri, martedì 6-12-2011, alle ore 15,38 percorrevo in auto via Mameli in salita; alla rotatoria svoltando verso via Mugnoz-Palazzetto dello sport, tre ciclomotori, provenienti dalla stessa via Mugnoz, prendevano la rotatoria contro mano a grande velocità urtando il muso della mia vettura. Uno dei tre si sbilancia, riprende l’equilibrio e prosegue come un razzo in direzione Convitto. Tutti, coperti dai loro caschi e nascosti dai borsoni sportivi, scomparivano in pochi secondi sui loro motorini spinti al massimo.
A mio avviso, imboccare una rotatoria in senso contrario non è una svista, nè una ragazzata e nemmeno una bravata da raccontare agli amici. Forse quei ragazzi hanno scelto di andare contromano per essere più veloci? Erano forse in ritardo per qualcosa di importante? Volevano provare un brivido? Non saprei. Ancora più inammissibile la totale mancanza di reazione alla mia strombazzata: nessuno dei tre si è fermato, nè girato. E soprattutto nessun cenno di scusa. Non credo che cose simili possano definirsi normali. Se mi fossi fermato cinque centimetri oltre, a quest’ora, il primo scalmanato starebbe forse a raccogliere le lacrime dei propri cari intorno ad una lastra di marmo. Avrebbe distrutto la sua famiglia e la mia, che di figli ne ho tre. E tutto ciò per una stupida bravata. Inaccettabile».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X