Idv: in quattro chiedono le dimissioni di Torresi

- caricamento letture

torresi_candria

Giovanni Torresi in Consiglio provinciale

Gianfranco Borghesi, Ivano Rocchetti, Graziano Celani e Gianfilippo Straccia del Coordinamento regionale dell’Idv chiedono le dimissioni da assessore provinciale di Giovanni Torresi dopo l’inchiesta della Procura (leggi l’articolo):

“Attendiamo ancora un passo indietro di Torresi. Lo chiediamo ancora e auspichiamo che con senso di responsabilità Torresi rimetta nelle mani del Presidente Pettinari il mandato ricevuto. Non sembrerebbero così  semplicistiche le motivazioni a fondamento della richiesta di rinvio a giudizio come ha invece voluto spiegare Torresi in una email che ha immediatamente inviato a quanti hanno richiesto le sue dimissioni dopo la richiesta di rinvio a giudizio. L’applicazione di quel codice deontologico e politico che ha sempre connotato IDV ed a cui si sono sempre attenuti quanti, prima di lui, sono stati chiamati in causa dalla magistratura non può essere disatteso. La nostra richiesta non esprime un giudizio nel merito delle cose contestate e, pur partendo dal presupposto di innocenza esprime comunque piena fiducia nell’operato della magistratura. La notizia che i vertici nazionali abbiano rassicurato Torresi a proseguire tranquillamente il suo percorso senza dimettersi non è stata notificata a nessuno dei componenti del Coordinamento Regionale IDV delle Marche; le email inviate a Favia dai dirigenti Ivan Rota ed Ignazio Messina esprimono   solidarietà personale nei confronti dell’indagato e non possono essere considerate diversamente da quello che oggettivamente rappresentano. Auspichiamo che Torresi sappia far prevalere senso di equilibrio e di rispetto”.

Gianfranco Borghesi

Ivano Rocchetti

Graziano Celani

Gianfilippo Straccia

Componenti del Coordinamento Reg.le IDV Marche



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X