Gli interrogativi di Guzzini e Conti sulle strutture sportive maceratesi

- caricamento letture
conti_guzzini_8503-300x264

Fabio Massimo Conti e Marco Guzzini

di Alessandra Pierini

Numerose interrogazioni impegneranno l’amministrazione di Macerata nel consiglio comunale di lunedì. Tra queste ci saranno anche le questioni poste da Fabio Massimo Conti (Lista Conti Macerata Vince) e Marco Guzzini (Pdl) legate agli impianti sportivi della città. «Nonostante i nostri numerosi interventi – spiega Conti – siamo costretti a sottolineare lo svilimento continuo del patrimonio strutturale dello sport maceratese. Ormai su piscine e palasport siamo rassegnati ma non possiamo non continuare a porre interrogativi. Ad esempio nella giunta itinerante di Villa Potenza, l’assessore Canesin fece finta di non ricordare di 20.000 euro, stanziati in bilancio, per il campo sportivo di Villa Potenza. Tra poco inizierà la preparazione e non sappiamo ancora quando saranno realizzati gli interventi previsti». Fabio Massimo Conti richiama l’attenzione anche sugli spogliatoi dello stadio cittadino: «Già lo scorso anno lamentai la situazione degli spogliatoi. Sappiamo della querelle giudiziaria con la ditta appaltatrice e del fatto che ci troviamo in una fase di stallo ma chiederemo all’amministrazione come mai non ha preferito fare gli interventi necessari per poi rivalersi sulla ditta».
Anche Marco Guzzini ha qualcosa da dire sulle questioni sportive: «Nella commissione sport e poidalle parole dell’assessore abbiamo spesso sentito parlare di grandi eventi sportivi. In particolare per la tappa della Tirreno Adriatico l’assessore disse che il Comune non avrebbe sborsato un euro. Dalla delibera fatta, invece, risulta che Apm e Banca Marche, come sponsor hanno contribuito per 10.000 euro ma glialtri 18.000 euro sono a carico del Comune. Sulla questione chiederemo spiegazioni. Ci sono comuni ad esempio Osimo e Civitanova che hanno rinunciato alla tappa e hanno preferito non sacrificare, a causa dei tagli, le realtà sportive locali».
Guzzini riprende anche la questione palasport: «Quando presentai un ordine del giorno in merito al centro fiere di Villa Potenza e alla sua riqualificazione, iconsiglieri di maggioranza lo votarono a patto che nell’atto non si parlasse del palasport. A distanza di mesi il Sindaco dice di voler allargare il palasport di Fontescodella ma di volere anche un nuovo palasport nel centro fiere. Ora, la presa di posizione del sindaco di fronte alla Federazione di Pallavolo, presuppone che se il palasport non sarà allargato e portato ad un totale di 3.500 posti sarà la Lube a pagare la penale, che secondo quanto è stato detto nelle nostre riunioni, dovrebbe ammontare circa a 500.000 euro. La Lube aspetta una risposta ma dopo 3 mesi tutto tace»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X