Maceratese, piedi buoni a centrocampo
Arriva Gigi Giandomenico

Il 33enne trequartista ex Elpidiense è cresciuto nel settore giovanile della Juventus e vanta cinque presenze in serie A con il Perugia
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
GIANDOMENICO-LUIGI-web

Luigi Giandomenico

di Filippo Ciccarelli

Alla fine è arrivato. Con qualche anno di ritardo rispetto alle attese, perché Luigi Giandomenico è stato ciclicamente accostato alla Maceratese, ma poi, per un motivo o per un altro, non è mai stato definito il suo passaggio in biancorosso. Il talentuoso centrocampista, classe 1978, nello scorso campionato ha fatto parte dell’Elpidiense Cascinare: il trequartista, che è stato cercato anche da squadre di categoria superiore, andrà ad affiancare i compagni di reparto in un centrocampo che è ormai in via di definizione, almeno per quel che riguarda i titolari; è il terzo in ordine cronologico, dopo Marco Bucci e Valerio Carboni, e probabilmente avrà nelle sue mani – o meglio nei suoi piedi – le “chiavi” del reparto. Dotato di un ottimo sinistro, il nuovo acquisto della Maceratese è stato in carriera anche un buon realizzatore: a Monte San Giusto, nella stagione sportiva 2007/08 realizzò 7 reti nelle 31 partite disputate, e fu il grande protagonista della promozione in C2 dei calzaturieri. Con Brescello e Reggiana, in C2 e C1, realizzò 9 reti nelle stagioni 2001/02 e 2002/03. Giandomenico, che è nato a Montecosaro dove vive tuttora ed è cresciuto nelle giovanili della Juventus prima di passare al Venezia, ha collezionato anche 5 presenze in serie A con il Perugia nel 2004/05 ed ha giocato ininterrottamente tra i pro per circa 10 anni, dal 1997 al 2007, prima del passaggio alla Sangiustese. Nelle Marche ha vestito, oltre a quella dei rossoblù, le maglie dell’Elpidiense Cascinare e della Sambenedettese, ed annovera nella sua storia annovera pure 21 presenze e 3 reti nelle nazionali giovanili.
“Sono orgoglioso di vestire la maglia biancorossa, spero di regalare tante soddisfazioni alla società ed ai tifosi”, queste le sue primissime dichiarazioni, diramate nel comunicato dalla società.
A questo punto, nonostante nessuno dalle parti della Maceratese voglia sbilanciarsi, è legittimo aspettarsi la costruzione di un gruppo che punti a qualcosa in più di un “campionato tranquillo”: rimangono da sistemare le questioni relative all’attacco, in special modo alla prima punta, e c’è una difesa che, al momento, consta di solo due elementi sicuri, ma procedendo a questi ritmi la squadra sarà allestita ben prima della scadenza fatidica dei primi giorni di agosto, quando i biancorossi cominceranno il ritiro in quel di Penna San Giovanni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X