Capponi si affida al Governo
In arrivo altri Ministri

Dopo Brunetta e Sacconi ecco Meloni, Fitto, Carfagna, Romani e Frattini. Ieri l'incontro con Quagliariello
- caricamento letture
quagliariello-corridonia

L'incontro con il senatore Giuseppe Quaglieriello

Altri big della politica in arrivo nelle fila del centrodestra. Domani il candidato presidente Franco Capponi ospiterà il Presidente del gruppo Parlamentare Pdl alla Camera dei Deputati, Fabrizio Cicchitto, alle ore 12 all’Hotel Claudiani di Macerata. Anche il Ministro Raffaele Fitto sarà domani in provincia per sostenere Capponi. Nella sua visita a Recanati, alle 12, si fermerà a palazzo Leopardi, dove ad attenderlo ci sarà anche il Conte Vanni, erede della famiglia Leopardi. Alle 13, terminata la visita, il ministro si recherà al ristorante ‘La cantina di Palazzo Bello’ per incontrare le associazioni dei balneari e dei titolari delle concessioni in aree demaniali per confrontarsi insieme sulle possibilità di soluzione del serio problema sollevato dall’applicazione della  normativa europea  Bolkstein. Seguirà un pranzo conviviale sul tema ‘Gli effetti positivi del federalismo solidale’. Stasera (intorno alle 20) al ristorante Moretti di Montelupone arriverà il ministro Giorgia Meloni.

Il 5 maggio è atteso a Civitanova il vicepresidente della Camera Maurizio Lupi, il 7 maggio il ministro Carfagna a Pollenza, il 9 maggio il ministro Romani a Morrovalle. Sempre il 9 sono attesi i provincia Saglia e Mantovano mentre il 10 maggio sarà la volta del ministro Franco Frattini che effettuerà diverse tappe in provincia.

Fino ad oggi sono già arrivati in provincia per sostenere Capponi i ministri Brunetta e Sacconi,  Gasparri, Stefania Craxi, Magdi Allam. Ci sono contatti in corso anche con i ministri Prestigiacomo e Matteoli e con il Premier Berlusconi.

Intanto ieri  sera è arrivato a Corridonia Gaetano Quagliariello, vicepresidente dei senatori del Pdl e fondatore della Magna Carta. Tanti gli amici e i simpatizzanti che hanno aspetto l’arrivo del senatore all’hotel Grassetti, tra loro, i senatori Filippo Saltamartini, Salvatore Piscitelli, Francesco Casoli e Remigio Ceroni, il consigliere Francesco Massi, il coordinatore provinciale Mario Lattanzi e numerosi candidati come Fabio Pistarelli, Deborah Pantana, Luigi Bonifazi ed Emanuele Crisostomi. Nascosto tra le autorità anche l’ex presidente della Provincia, dal 1990 al 1995, Luigi Sileoni. Ad aprire il convegno Piero Morresi che ha invitato a non disperdere il voto e ha ricordato le priorità del nuovo governo Capponi: “ristrutturazione del ponte sul fiume Fiastra, sostegno alle aziende colpite dall’alluvione e realizzazione dello svincolo di San Claudio”.

Franco Capponi, invece, ha preferito puntare sul programma e su quanto fatto nei primi undici mesi di amministrazione della Provincia: “A sinistra, invece, ancora non si è parlato di programmi. Ogni giorno –  ha detto – vengo attaccato e dall’altra parte ancora non ho sentito nemmeno un accenno su quello che intendono fare per rilanciare la nostra provincia. Ci ripropongono solamente un ‘modello Ancona’, quello stesso modello che ha già derubato di tutto, dalla sanità alle infrastrutture, quello che si voleva persino opporre alla realizzazione della Quadrilatero, il progetto che oggi ci vede leader del centro Italia. E sulla questione ‘moderati’ aggiunge chi è alleato di Di Pietro non sarà mai un moderato. Sulla stessa linea anche il senatore Quagliariello: “I moderati non sono quelli che a seconda delle convenienze passano da una parte all’altra. Chi nella gara precedente  – aggiunge con una metafora calcistica – ha condiviso decisioni e responsabilità e ora, visto che si è tornati indietro, anziché asciugarsi il sudore e stringersi con i compagni di squadra passa all’avversario, beh questo non ha nulla a che vedere con quel laboratorio di cui tanto si parla. Se questo è il laboratorio, noi non vogliamo sperimentare niente”.

***

Domani alle 11 visita a Civitanova  del Sottosegretario del Ministero degli Affari Esteri Vincenzo Scotti, che parteciperà a un convegno sull’immigrazione all’Hotel Cosmopolitan assieme al candidato presidente Enzo Marangoni.

– Domani (30 aprile) il Partito Democratico organizza all’Hotel-Ristorante da Faustina a Sefro, alle ore 20, una cena elettorale insieme ad Antonio Pettinari Candidato Presidente alla Provincia di Macerata, Daniele Salvi candidato al Consiglio provinciale e all’On. Luciano Agostini membro della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati.

Lo stesso Salvi interviene sull’alleanza Pdl-Fli: “Dopo la Destra contro Fli e la Lega contro Marangoni, la visita dell’On. Bocchino nella Provincia di Macerata è servita per attaccare sia la Lega che il Pdl, in particolare l’On. Ceroni. Capponi assente, Bocchino è stato un vero e proprio funambolo: ha spiegato come a Roma si può attaccare Berlusconi e a Macerata si può stare con un uomo di Berlusconi; poi ha argomentato come con Berlusconi non potranno più stare, ma come a Macerata invece la destra, egemonizzata dal Pdl, sia la coalizione “meno distante”; ha convinto, infine, i suoi su come si possa condividere il programma, ma anche come bisogna contrattare tutto appena si esce dal dettato letterale di quanto in esso previsto. Un capolavoro di contraddizioni ed è naturale che per spiegare questi sottili distinguo Bocchino abbia dovuto scrivere un libro, che i suoi sostenitori hanno però voluto che prima fosse certificato con tanto di firma dell’autore”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X