Il Comune di Macerata contro la crisi:
aiuti a cento famiglie in difficoltà
e manovra interna da 1.500.000 euro

Presentato il primo degli obiettivi programmatici dell'Amministrazione Carancini
- caricamento letture

SANY1678-300x225

di Matteo Zallocco

Sono stati presentati questa mattina dal sindaco Carancini e dagli assessori Blunno e Monteverde il fondo anticrisi e la manovra interna da 1.500.000 euro già illustrata la scorsa settimana da Marco Blunno in un’intervista a Cronache Maceratesi.
Le due delibere saranno presentate oggi e domani in Consiglio comunale. Il sindaco ha colto l’occasione per parlare della manovra estiva del Governo: “In questo modo lo Stato distrugge gli Enti locali scaricando su di loro problematiche di bilancio che avrebbero dovuto riguardare altre scelte politiche, come gli impegni presi in campagna elettorale, vedi l’abolizione delle Province. Ancora più grave è il fatto che questi tagli sono di misura lineare, senza porsi il problema di chi avesse rispettato il patto di stabilità avendo conti sani, come Macerata. E’ uno scaricabarile inaccettabile”.
Ribadisce l’assessore Blunno: “Il Comune di Macerata sarà costretto a risparmiare tre milioni e ottocento mila euro in un bilancio che non ha grandi margini”.
Ma i problemi finanziari sono anche altri: “Presentiamo in Consiglio questa nostra manovra per salvaguardare gli obiettivi di bilancio, tra sei mesi ci potremmo trovare con un deficit di 1.500.000 euro a causa di minori entrate per 400.00 euro per la riduzione degli incassi dagli oneri di urbanizzazione e maggiori spese di 1.100.000 euro. In questo caso la voce più grande riguarda i 700.000 euro richiesti dal Cosmari per il trasferimento dei rifiuti nella discarica di Fermo che ci sono stati richiesti senza criteri prestabiliti; abbiamo annunciato il ricorso al Tar perché questa richiesta ci sembra infondata. Tra le spese ci sono poi 150.000 euro per i minori che vengono sottratti alle famiglie dopo maltrattamenti o altro e affidati al sindaco e che a Macerata riguarda 15 bambini. Altri 150.000 euro serviranno per la ricostruzione del fondo di riserva in caso di imprevisti, oggi azzerato”.
Dove è finito il fondo di riserva? “La parte più consistente è stata utilizzata per le spese legali nelle cause che vedono coinvolto il Comune”.

SANY1680-300x225

L’assessore Stefania Monteverde ha poi illustrato il fondo anticrisi di 120.000 euro : “E’ il primo degli obiettivi programmatici di questa Amministrazione. Le ore di cassa integrazione in questi ultimi tre anni sono triplicate. I settori più colpiti sono l’industria, l’edilizia e dall’ultimo anno anche il commercio e così è aumentata considerevolmente la percentuale di famiglie che non possono contare su un reddito stabile”.
I destinatari del fondo anticrisi sono: i disoccupati per licenziamento da parte dell’azienda o per giusta causa; disoccupati per mancato rinnovo del contratto di lavoro a tempo determinato dopo aver lavorato per almeno 12 mesi continuativi precedentemente alla data di disoccupazione;  cassa integrati; iscritti nelle liste di mobilità; e una novità per le Marche, essere stati lavoratori autonomi, aver cessato l’attività ed essersi iscritti al Ciof, prima dei 2 mesi precedenti alla data di pubblicazione del bando”.
I requisiti per la domanda sono la residenza da almeno 3 anni nel territorio comunale alla data di pubblicazione del bando, e il possesso di un valore ISEE rimodulato entro il 30 ottobre 2010 (scadenza del bando), non superiore a cinquemila euro.
Il Fondo anticrisi concederà un contributo economico con importo minimo di 900 euro per circa 100 famiglie, l’esenzione della spesa per il servizio mensa scolastica e accesso alle tariffe agevolate per l’asilo nido, l’estensione della family card negli esercizi comunali convenzionati e un’attività informativa e di sostegno per il reinserimento nel mondo del lavoro.
“Tutto ciò non risolve la crisi – conclude l’assessore Monteverde – ma offre un’ importante opportunità a molte famiglie”.

L’intervista all’assessore Marco Blunno:

https://www.cronachemaceratesi.it/?p=31789



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X