Prepariamoci alle nuove elezioni

Il legale della Lam: "La rinuncia agli effetti della sentenza è remota". E l'intesa non c'è
- caricamento letture
Lam-12-300x225

L'avvocato Pierpaolo Pugliano, Luigi Gentilucci e Serenella Tonini

di Matteo Zallocco

Pierpaolo Pugliano, il legale della Lam, è arrivato da Roma per chiarire alcuni aspetti della sentenza del Consiglio di Stato che accogliendo il ricorso della Lista di Gentilucci annulla le elezioni provinciali del 2009. Assieme allo stesso Luigi Gentilucci e al segretario politico Serenella Tonini, l’avvocato ha tenuto una conferenza stampa nel pomeriggio. Elezioni sì, elezioni no? Accordo sì, accordo no? Il nodo sembra essere definitivamente sciolto: si andrà a votare. In sostanza il legale ha smentito o perlomeno ridimensionato le affermazioni dei giorni scorsi dello stesso Gentilucci, secondo cui la rinuncia da parte della Lam agli effetti della sentenza era ‘possibilissima’.

Non è così. “Quella di annullare gli effetti è una strada molto difficile da percorrere – spiega l’avvocato Pugliano  – ma non essendoci stati precedenti in una sentenza di secondo grado resta una remota possibilità, quindi le dichiarazioni di Gentilucci non erano fantasiose. Ci troviamo in un limbo, in attesa che la sentenza passi in giudicato: una volta depositata dovrebbero passare 30 giorni trattandosi di un procedentimento elettorale e quindi accelerato rispetto ai 60 giorni di norma”.

Lam-2-300x225

Di sicuro la Lam è stata la vittima delle scorse elezioni provinciali. “Se il Consiglio di Stato fosse entrato subito nel merito – aggiunge Pugliano – la Lam sarebbe stata riammesa prima del voto e non ci saremmo ritrovati tutti in questa situazione. Se ne sono accorti un po’ tardi”.
Sulla stessa lunghezza d’onda il pensiero di Luigi Gentilucci: “E’ una situazione molto particolare che ci vede protagonisti nostro malgrado. Per un errore meramente materiale
(è stato scritto 5 maggio 2008 anzichè 2009) siamo stati ingiustamente esclusi. Eravamo scomodi sia per il centro sinistra che per il centro destra e va ricordato che il Pd e Rifondazione Comunista si sono costituiti al Tar contro il nostro ricorso. Il risultato elettorale è stato falsato perché con noi si sarebbe sicuramente arrivati al ballottaggio  e sarebbero potuti cambiare gli scenari politici. Ricordiamo anche che alle Regionali abbiamo ottenuto un ottimo risultato con 4.500 voti, sotto il simbolo dell’Api”.

Lam-15-300x225

Retromarcia sull’eventuale accordo col centro destra. Gentilucci dice che al momento non ci sarebbero comunque le condizioni: “Mi sono incontrato con Mario Lattanzi, coordinatore provinciale del Pdl e Francesco Massi, capogruppo in Regione. C’è stata l’intesa sul GAL (Gruppo Azione Locale) che secondo noi deve essere diretto da un politico eletto e non da un tecnico  e sulla ricostruzione nelle aree colpite dal terremoto che al contrario di quello che si dice non è ancora conclusa, ma sembra non possano fare niente per l’accordo tra gli Atenei che penalizza fortemente l’Università di Camerino. Questa frizione esclude ogni tipo di accordo. Abbiamo voluto aprire questa trattativa dopo le sollecitazioni delle Associazioni di categoria che ci hanno chiamato a un senso di responsabilità”.
Ovviamente vi ripresenterete alle prossime elezioni… “Certamente, abbiamo molto consenso nelle zone montane, siamo stati scippati del diritto di partecipazione non potendo neanche esercitare il ruolo di opposizione”.
Nuove elezioni, chi potrà partecipare? “Questo è un aspetto importante – dice l’avvocato Pugliano – Bisognerà vedere se potranno ripresentarsi solo le stesse liste del 2009 con le stesse coalizioni o se ci sarà un’apertura a nuove formazioni”.

Lam-6-300x225

Lam-131-225x300



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X