Pensare Macerata si presenta:
“Partecipazione e trasparenza”

Verso le Comunali
- caricamento letture

P1010737-300x225

di Alessandra Pierini

Appena consegnate le liste definitive dei candidati alle prossime elezioni comunali, inizia la vera campagna elettorale. I giochi sono fatti, ora si tratta di valorizzare i propri meriti, senza trascurare di sottolineare con ogni mezzo difetti e defaillances degli avversari. Inizia la lista civica Pensare Macerata, a sostegno del candidato Carancini,  che convoca la prima conferenza stampa post-elettorale alle ore 12,00 per poi iniziare con accademico ritardo alle 12,28.
E’ il leader dello schieramento Massimiliano Bianchini a prendere per primo la parola: “Questa conferenza ha lo scopo di  dimostrare l’originalità della nostra proposta: abbiamo fin qui fatto un percorso di massima trasparenza e da due anni, nell’ottica di un percorso partecipativo, ci riuniamo mensilmente e compiliamo verbali di assemblea accessibili a tutti. Abbiamo fatto una scelta chiara di centro sinistra e vogliamo raccogliere quanti non si ritrovano nella forma partitica, finora la lista si è comportata con stile e sobrietà, non abbiamo fatto alcuna polemica dopo le primarie e andiamo avanti a fianco di Romano Carancini perchè è la gente che lo ha scelto.” Ma cosa chiederà Massimiliano Bianchini dopo le elezioni? “Al momento di carancini Sindaco lavorerò con lui in base alle mie competenze e credo di meritare un ruolo importante nella formazione del centro sinistra del futuro.” Conclude elogiando ancora i suoi: “Credo che Pensare Macerata sarà la vera sorpresa di queste elezioni e credo anche che nel programma di Carancini, completamente diverso da quello dell’amministrazione Meschini, abbiamo pesato davvero molto.”
P1010735-300x225

Romano Carancini, ospite della conferenza, ala quale hanno preso parte anche tutti i candidati di “Pensare Macerata”, conferma le parole di Bianchini: “Qui ho l’impressione di essere a casa, perchè questo gruppo ha il senso della squadra e mi ha dato un contributo significativo e sempre costruttivo.” Passa poi a parlare della decisione dell’Udc presa all’ultimo momento: ” Quella che era una coalizione di sole destre è diventata ora una coalizione di poco più che sole destre, visto che l’alleanza con l’Udc è assolutamente innaturale e in contro tendenza con il resto del territorio. E’ evidentemente l’accordo tra Pistarelli e pochi dirigenti che in alcun modo hanno dato il loro contributo programmatico. ” Carancini non risparmia neanche un colpo a Giulio Conti: “Pur stimandolo come persona, non capisco come possa credere che il candidato da lui definito più volte incapace di governare possa essere ora diventato il candidato ideale. Certo è che nei confronti fatti finora non ho riscontrato in Pistarelli una grande concretezza, sicuramente non mi preoccuperò affatto delle serrandine del Palazzo della Questura”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X