Stop dopo l’incontro con i direttori medici
Il dg Ricci: «Il Ppi di Recanati resta aperto
Dieci posti Covid a Civitanova»

AST MACERATA - Sembra tramontato lo scenario ipotizzato dalla direttrice sanitaria Daniela Corsi nella riunione di alcuni giorni fa. La questione del reparto di Cardiologia di Camerino

- caricamento letture
pronto-soccorso-ospedale-civitanova-FDM-4-325x234

L’ingresso del pronto soccorso dell’ospedale di Civitanova

Un incontro con i referenti medici di alcuni Dipartimenti della Ast, il saluto di presentazione del nuovo direttore generale Marco Ricci, poi la parola passa alla direttrice sanitaria Daniela Corsi che discute della situazione e annuncia alcune operazioni, quelle descritte. Dal dire al fare non ci si è arrivati, anzi oggi arriva una presa di posizione formale da parte del direttore Marco Ricci che assicura che non sono all’orizzonte la chiusura del Ppi di Recanati e l’apertura a San Severino del reparto Covid. Possibile anche pensare che l’operazione ipotizzata nell’incontro con i direttori medici non abbia avuto il via libera dell’assessore regionale Filippo Saltamartini.

Ed ecco cosa scrive oggi il direttore generale dell’Ast Macerata Marco Ricci: «Non vi è nessuna ipotesi di chiusura all’orizzonte per il Ppi di Recanati. Proprio al fine di garantire il corretto funzionamento del Punto di Primo Intervento del Santa Lucia abbiamo fatto fronte alla mancanza improvvisa a causa di malattia di un medico, garantendo, pur nell’eccezionalità ed urgenza della situazione contingente, l’erogazione del servizio e il mantenimento dei livelli di sicurezza clinico assistenziale agli utenti. Per il Punto di Primo Intervento di Tolentino – a parlare è sempre il direttore Ricci – la situazione rimane immutata. Riguardo all’ospedale di San Severino, qualora si assista ad un riacuirsi dei contagi, troverà applicazione il piano pandemico dell’Ast di Macerata che prevede la conversione di posti letto di lunga degenza in posti letto Covid. Allo stato attuale, proprio a causa dei sovrafflussi, abbiamo già convertito presso l’Obi del Pronto Soccorso di Civitanova 10 posti letto in Covid. Per quanto concerne, infine, la questione del cardiologo di Civitanova che dovrà prestare servizio presso altra sede, da tempo in accordo con il Direttore dell’Uoc di Cardiologia del presidio costiero, una specialista già collabora per 15 giorni al mese presso la Cardiologia di Camerino per garantire la piena funzionalità dei servizi, che devono essere erogati unitariamente nei presidi di primo livello dell’Ast di Macerata».

(l. pat.)

L’Ast prova a razionalizzare: reparto Covid a San Severino. Verso la chiusura il Ppi di Recanati

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X