Evade dai domiciliari in comunità:
«L’ho fatto per andare in carcere»,
assolta una 25enne

CORRIDONIA - La ragazza è stata trovata dai carabinieri a circa duecento metri. Oggi l'udienza in tribunale a Macerata, il giudice ha convalidato l'arresto e prosciolto la giovane
- caricamento letture

tribunale

 

Fugge da una comunità dov’era sottoposta agli arresti domiciliari e la trovano davanti ad una chiesa a circa duecento metri, col braccialetto elettronico. Lei, una ragazza di 25 anni, si è fermata lì ad attendere i carabinieri. Il motivo lo ha spiegato oggi al giudice: «Voglio andare in carcere».

avvocato-donato-attanasio

L’avvocato Donato Attanasio

Il giudice Daniela Bellesi, del tribunale di Macerata, ha convalidato l’arresto e poi ha assolto la ragazza per la tenuità del fatto. La giovane, assistita dall’avvocato Donato Attanasio, doveva rispondere di evasione. Non era andata molto lontano dalla comunità di Corridonia dove era agli arresti domiciliari: la sera di domenica è stata trovata a circa duecento metri, seduta vicino ad una chiesa. Lì, aveva atteso i carabinieri, sapendo che l’avrebbero rintracciata perché indossa il braccialetto elettronico. Dopo il processo di oggi, è stata riportata in una comunità, dove starà agli arresti domiciliari per la misura originaria che era stata emessa dal gup del tribunale di Bari.

(Gian. Gin.)

Fugge dalla comunità, 25enne arrestata per evasione



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X