Il dolore del fratello di Emanuele:
«Generoso e pieno di amici,
spero di dare coraggio alla mia famiglia»

TOLENTINO - Alessandro Mosca, che sta facendo il prenoviziato, ricorda il 21enne che ha perso la vita in un incidente stradale questa notte: «Era un ragazzo responsabile, lavorava nella ditta di cui è socio mio papà. Amava la musica trap e i motori. Insieme abbiamo condiviso tante cose, dagli scout alle partite del Tolentino. E' un momento difficilissimo». L'amico che era alla guida dell'auto resta gravissimo ed è stato operato
- caricamento letture
emanuele-mosca-2-e1664646112902

Emanuele Mosca

 

di Francesca Marsili

«Emanuele era un ragazzo semplice, generoso con gli amici e amava il divertimento. Eravamo diversi, ma quando aveva bisogno di aiuto era a me che si rivolgeva. Nel giorno del suo funerale vorrei essere sull’altare a servizio del sacerdote», così Alessandro, fratello maggiore di Emanuele Mosca, il 21enne di Tolentino morto questa notte in un incidente stradale. L’auto su cui si trovava con tre amici è uscita di strada sulla Provinciale 502, a San Ginesio, per poi finire contro una pianta.

Trattiene il pianto, Alessandro, che ha terminato il primo anno di prenoviziato, si fa coraggio e ricorda suo fratello Emanuele mentre sta nella cripta della basilica di San Nicola. «Mio fratello aveva tantissimi amici, amava la musica trap e i motori. Insieme abbiamo condiviso tante cose, dal servizio con gli scout alle partite del Tolentino con la maglia Cremisi. È un momento difficilissimo – aggiunge – spero che la fede mi aiuti a dare coraggio alla mia famiglia». Parla di Emanuele e della sua vita: «Era un ragazzo riservato e un lavoratore responsabile – racconta – dopo gli studi professionali, da un anno era nell’azienda di impianti termoidraulici di cui è socio nostro padre».

Alessandro accarezza continuamente il crocifisso di legno della collana che porta al collo. Sarebbe dovuto partire per Roma per il secondo anno di prenoviziato, ma ha scelto di rimandare per stare accanto alla sua famiglia. Erano circa le due di questa mattina quando una Bmw in cui viaggiava Emanuele Mosca, condotta da D. C., 21 anni, ha impattato violentemente contro un albero in località Morichella a San Ginesio. Nell’auto altri due amici: un 20enne A. M., e una ragazza di 22, N. C., tutti di Tolentino.

incidente_mortale_san_ginesio

L’auto è finita fuori strada

Per Emanuele non c’è stato nulla da fare, è morto sul colpo. Gli altri tre occupanti sono stati trasportati all’ospedale di Macerata. Il conducente dell’auto è tutt’ora gravissimo, in prognosi riservata. E’ stato operato e si trova in coma farmacologico. Meno gravi gli altri feriti. La ragazza ha una frattura esposta ad un braccio e dovrà essere sottoposta a un intervento. L’altro giovane ha riportato alcuni traumi. Il gruppo rientrava da Sarnano dopo aver festeggiato il 18esimo compleanno di un loro amico al ristorante “La Marchigiana”. A dare l’allarme dopo il tremendo impatto, uno dei ragazzi a bordo della vettura, contemporaneamente ad una donna che abita vicino al luogo dell’incidente che ha sentito il rumore dello schianto.

Emanuele Mosca oltre al fratello maggiore Alessandro, lascia il papà Giovanni, socio della ditta Idrotek e la mamma Laura, e la sorella minore Ludovica. Infiniti i messaggi di cordoglio per la famiglia colpita dal terribile lutto, soprattutto dai residenti di contrada Bura dove viveva Emanuele. L’associazione musicale Nazareno Gabrielli: «È un giorno di grande dolore per Tolentino. Non ci sono parole per esprimere il nostro sgomento e la nostra tristezza, ci stringiamo con tutto l’affetto possibile al dolore della mamma Laura, storica componente della banda di Tolentino, del padre Giovanni, del fratello Alessandro, della sorella Ludovica e al resto della famiglia. Anche Emanuele aveva studiato nella nostra scuola di musica per alcuni anni». Cordoglio anche del Comune: «A nome mio e dell’intera amministrazione comunale esprimo il nostro cordoglio per il grave incidente stradale avvenuto questa notte in cui ha perso la vita Emanuele e dove sono rimasti coinvolti altri tre giovani concittadini. Sono notizie che non vorremmo mai leggere». L’Unione sportiva Tolentino in un post scrive: «Ciao Emanuele. Ti vogliamo ricordare con indosso la maglia cremisi del nostro settore giovanile. Ti vogliamo ricordare allo stadio, sempre a fianco del Tole, insieme a tuo fratello Alessandro. Ci stringiamo intorno alla famiglia Mosca in questo momento di immenso dolore».

Auto si schianta contro un albero Muore un ragazzo di 21 anni, gravissimo il conducente



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X