Ruba al Lido della Polizia,
poi si addormenta sul lettino:
arrestato un 39enne

CIVITANOVA - L'uomo, italiano, vive a Montegranaro. E' entrato nello chalet forzando una finestra e ha rubato bevande, merendine, un paio d'occhiali da sole e i soldi del fondo cassa. Il giudice nel corso della direttissima ha disposto l'obbligo di dimora nel comune di residenza. Lui ha negato di essere l'autore del furto e ha detto di aver visto due persone che fuggivano
- caricamento letture
lido-polizia

Il lido della polizia

 

Forza una finestra nella notte ed entra nello chalet del Lido della Polizia sul lungomare nord di Civitanova, ruba bevande, merendine e soldi dal fondo cassa. Poi nasconde cacciaviti e piede di porco sotto un pattino, mangia e beve su un lettino vicino al mare e si addormenta. La mattina, il gestore si accorge dell’accaduto e chiama gli agenti, che lo notano perché riposava vicino ad uno scatolone pieno di bevande. Arrestato un 39enne, residente in provincia di Fermo ma di fatto senza fissa dimora. Per lui è scattato il divieto di ritorno nel Comune di Civitanova per tre anni. 

Ieri mattina, al momento dell’apertura dello stabilimento balneare sul lungomare nord a Civitanova, il gestore si è accorto che qualcuno durante la notte aveva scassinato la finestra ed era entrato nello chalet, portando via la cassettiera del registratore che conteneva un fondo cassa. E’ intervenuta la polizia. Gli agenti hanno notato un uomo che dormiva disteso su un lettino nelle immediate vicinanze della battigia. Vicino a lui uno scatolone pieno di bevande che il 39enne ha detto di aver trovato su di un tavolino del bar dello stabilimento. I successivi accertamenti effettuati dai poliziotti hanno permesso di ritrovare, nelle vicinanze dell’uomo, nascosti sotto un pattino, due grossi cacciavite e un piede di porco. All’interno dello zaino aveva circa 80 euro, numerose merendine ed un paio di occhiali da sole che il gestore dello chalet ha riconosciuto subito come di sua proprietà.

caterina-francia

L’avvocato Caterina Francia

Il 39enne è stato arrestato per furto aggravato ed accompagnato al commissariato di Civitanova. Questa mattina si è svolta la convalida dell’arresto al tribunale di Macerata. Il giudice Francesca Preziosi, ha convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di dimora nel comune in cui risulta risiedere. L’uomo, assistito dall’avvocato Caterina Francia, ha dato la sua versione, negando di aver rubato. Ha detto che ha visto due persone «scappare dallo chalet. Ho trovato lo scatolone e siccome aveva fame e sete l’ho preso». Ha anche detto che prima di andare in quello chalet si era fermato in uno attiguo ma era stato mandato via. Sui soldi che gli hanno trovato ha detto che non li ha rubati ma ottenuti con elemosina che nei giorni scorsi ha fatto a Loreto.

(redazione Cm)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X