Rombi di Jaguar
sulle colline maceratesi

MOTORI - Il raduno è organizzato dalla Scuderia Marche. Trenta tra i modelli più belli e iconici della casa di Coventry hanno sfilato nelle campagne attraversando Treia e Cingoli
- caricamento letture

 

Jaguar-1-7-650x434

Le Jaguar a Treia

Un evento di rara eleganza e bellezza quello che ha visto nei primi tre giorni di luglio ben 24 Jaguar storiche attraversare le campagne marchigiane. L’appuntamento “Le Jaguar di villa in villa sulle Colline Maceratesi”, organizzato dalla Scuderia Marche insieme alla Scuderia Jaguar storiche di Roma, ha catturato l’attenzione di molti appassionati unendo il motorismo storico al turismo culturale ed enogastronomico.

Jaguar-1-6-325x217Gli equipaggi sono infatti arrivati da ogni parte d’Italia, Roma, Napoli, Pescara, Varese, Cesena, Foligno e tutti sono rimasti piacevolmente colpiti sia per l’organizzazione impeccabile che per l’accoglienza ricevuta nei vari municipi. «Organizzare un raduno Jaguar è sempre una grande responsabilità – spiega il presidente della Scuderia Marche Fausto Tronelli – per questo ogni spostamento era stato studiato nei minimi dettagli, dai movimenti della carovana fino alla sistemazione scenografica nelle piazze». Le vetture si sono mosse tra borghi storici e panorami bucolici per approdare in ville storiche disseminate nelle campagne.

Jaguar-4-325x217«A Cingoli siamo stati accolti con grandi cerimonie – continua Tronelli – il primo cittadino Michele Vittori ci ha invitati nella sala consiliare per un saluto, poi il gentile assessore Cristiana Nardi ci ha accompagnato in una visita guidata in uno dei borghi più belli d’Italia». Da qui le auto si sono mosse verso il lago di Castreccioni dove hanno percorso il nuovo spettacolare ponte. Dopo una breve sosta all’atelier Gelso Nero di Filottrano, una delle capitali mondiale delle confezioni da uomo, è stata la volta di un altro borgo iscritto nel registro dei 200 borghi più belli d’Italia, Treia. «Treia ci ha accolto nel suo bellissimo teatro storico – prosegue Tronelli – il vicesindaco David Buschittari ci ha accompagnato con una guida in un giro turistico della città dove abbiamo scoperto il gioco della Palla a Bracciale, ancora molto importante nel borgo e praticato in estate. In seguito abbiamo visitato il museo archeologico e l’accademia Georgica, una vera autorità dell’800 che ha dato grande lustro alla città».

Jaguar-1-5-325x244Tra i partecipanti anche Rita Colomba Annunziata, presidentessa della Scuderia Jaguar Storiche e Registro Jaguar italia, e Luciano Badiali, presidente del club AFAS di Foligno. «Aver ospitato così tante Jaguar è un onore e anche un motivo di orgoglio per la Scuderia Marche – conclude Tronelli – Si tratta di una casa dall’enorme prestigio, simbolo di stile, raffinatezza ed eleganza che non viene scalfita dal tempo. Per me è stato anche un ritorno di fiamma, infatti negli anni ‘70 possedevo una Jaguar E, una delle auto che ho più amato. Siamo molto soddisfatti sia dall’accoglienza che ci hanno dimostrato i Comuni sia per i complimenti ricevuti dai tanti equipaggi che hanno potuto trascorrere dei giorni bellissimi nel territorio maceratese».

 

Jaguar-2-650x488

Jaguar-1-650x488

Jaguar-13-650x488



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =