Da’ l’acqua
a lo granturco

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture
mario-monachesi-e1587885168418-325x308

Mario Monachesi

di Mario Monachesi 

“A casa de puritti quello che c’è non manca gnente”.
*
“Quello che tempi arèto non mancava a casa de li puritti, adèra li letti co’ li pajaricci, ditti anche saccu o saccó, de sfoje de granturco. ‘Sti materazzi ci-aia lu vantagghju de èsse frischi d’istate, ma lu svantagghju de èsse tanto rumurusi. Come te ce muivi sopre scricchjolava tutto. Anche se adèra ardi, li vardasci se divirtia a zombacce sopre, li grossi un po’ mino.
Le sfoje se cambiava ‘na orda l’annu, a settembre, dopo la raccorda de lo granturco. Durante lo scartoccià’ se rcapava quelle mejo, se facia seccà’ bè’ a lu sòle e se mittia a postu de quelle vecchje oramai triturate. Se chjamava pajaricci perché le sfoje se cunsumava e doventava come la paja. Ogni matina le donne de casa ‘nfilava le ma’ dentro li spacchi, che ce statia de qua e de la, per da ‘na repparegghjata (ridare volume) a le sfoje dopo la nottata.
Dicio sopre che li pajaricci, chjamati anche lì materazzi de li puritti, facia tanti rumó’, le sfoje a ogni picculu muvimentu de la persona facia sintì’ li cri-cri anche fori de la camera. E a ‘lli tempi se statia in fameja. Figuramoce allora la vergogna quanno le coppie joeni duia fa’ l’amore. Come se rimediava a ‘st’inconveniente? Lu maritu, virbu e fucusu, che ghjà pe’ la sera, s’adèra mistu su la testa l’intenzió’ de cumbinà’ checcosa, dicia su ‘na ‘recchja, a la moje, ghjà ‘struita per tempu anche da la matre: “Recordete de da’ l’acqua a lo granturco” (ricordati, attraverso le due aperture ai lati del materasso, di inumidire con un po’ di acqua, le foglie secche, in modo da non farle scricchiolare). La moje, comprice, ubbidia. Cuscì la nottata, ne li confronti de l’atri de casa, passava senza tanti rumó’ sospetti.
Da questa usanza, la donna che non vulia aé lu tale fidanzatu, je dicia: “Per te non darò mai l’acqua a lo granturco”. O pure, se a lo contrario unu je pjacia, je facia sapé’: “Per te dario volentieri l’acqua a lo granturco”.
Capito come funzionava ‘na orda? Ogghj co’ li materazzi de lattice, s’adè facilitato tutto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =