Un film sulla speranza
di una giovane famiglia terremotata:
“Vulnerabile bellezza” al Giometti

TOLENTINO - Il 9 dicembre alle 21 il cinema multisala proietterà il documentario del regista marchigiano Manuele Mandolesi. In programma un dibattito, interverranno anche i protagonisti del film
- caricamento letture

 

VulnerabileBellezza_5-325x183

Una scena del film “Vulnerabile bellezza”

 

A poco più di cinque anni dal devastante terremoto del 2016, il 9 dicembre alle 21, il cinema multisala Giometti di Tolentino ricorda l’evento all’interno della rassegna di film d’autore “Decima Musa”, che la catena sta portando avanti con importanti realtà culturali cittadine, come l’Unitre. E lo fa con la proiezione del pluripremiato documentario “Vulnerabile bellezza” del regista marchigiano Manuele Mandolesi. Il film si è imposto in molti festival nazionali ed internazionali fino alla vittoria del Globo d’Oro 2020, come miglior documentario italiano. Insieme alla proiezione, è previsto un dibattito coordinato dal professor Alberto Cingolani, con l’intervento del regista e dei protagonisti del film: la famiglia Riccioni, giovani allevatori di Ussita con due bambini al seguito, che in quel terremoto hanno perso la loro casa e la loro fattoria, ma, nonostante incredibili difficoltà, con la “tigna” tipica dei marchigiani, hanno lottato strenuamente fino a riuscire a ricostruire la propria vita sulle loro amate montagne.

thefamily

Il film è soprattutto una grande storia di speranza, immersa nel panorama mozzafiato dei Sibillini. Mandolesi ha seguito la giovane famiglia di Ussita, per più di un anno dal 2017 al 2018. Michela e Stefano sono degli allevatori e insieme ai loro due figli Diego e Emma in quel terremoto hanno perso la loro casa, la loro fattoria e nonostante le difficoltà (dalla lunga attesa per una nuova casetta di legno, alla ricostruzione delle nuove stalle per gli animali) con determinazione e dedizione lottano per ricostruire la loro vita sulle loro amate montagne, dove un giorno potranno tornare ad abitare. Mandolesi entra nella loro intimità familiare in punta di piedi, pur rimanendo a un livello molto profondo di indagine, e mentre si continua a demolire e a ricostruire, con delicatezza racconta la loro storia nel momento più difficile della loro vita, scandita dal passare delle stagioni. Durante il film, la voce fuori campo di mamma Michela racconta la storia del soldatino di piombo che dopo tante peripezie riesce a tornare dalla sua ballerina lì dove la loro storia era iniziata, così come Michela, Stefano, Diego ed Emma che dopo due anni sono tornati nella loro Ussita. Ma non per tutti è stato così. Oggi a distanza di cinque anni dal sisma la ricostruzione è parzialmente iniziata e molte delle famiglie vivono ancora lontano dalla propria terra o nelle soluzioni abitative d’emergenza. Questo film è per tutti loro.

Locandina-Vulnerabile-Bellezza«Uscire in sala dopo cinque anni dal sisma è davvero importante perché mi permette di mantenere una promessa che avevo fatto a me stesso e alle popolazioni colpite dal sisma 2016: continuare a far parlare negli anni, anche quando l’attenzione mediatica sarebbe calata notevolmente, delle difficoltà che le persone di quel territorio stanno tutt’oggi vivendo – commenta Mandolesi -. Per di più vedere questo film, una storia di amore e resistenza, al cinema, dopo il lungo periodo buio legato alla pandemia (il film sarebbe dovuto uscire nelle sale proprio durante il primo lockdown) assume ancora più rilevanza. Vedere poi i bellissimi panorami del nostro territorio su grande schermo è sempre emozionante. Ci tengo a ringraziare Massimiliano Giometti che ha creduto nel nostro film. Spero che in tanti partecipino alla serata del 9 dicembre perché ritengo ci sia sempre più bisogno di spazi come quello che Giometti sta dedicando alla promozione del cinema indipendente e trovo davvero fondamentale, per il pubblico e per gli autori, incontrarsi e discutere dei film». Dopo “Vulnerabile Bellezza”, insieme ai premi ricevuti, Mandolesi è riuscito ad imporsi alla ribalta nazionale, firmando la regia del famoso documentario “Sogno Azzurro, la strada per Wembley” campione d’ascolti su Rai 1 subito dopo la vittoria all’Europeo della nazionale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X