Lo fumà de nonnu

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture
Mario-monachesi-2-e1609661151847-325x248

Mario Monachesi

 

di Mario Monachesi

“Non adèra quello sufisticato de ogghj, quello recercato su le mijori tavaccherie ‘ttrezzate, la miseria facia fumà’ ‘gni co’. Non ce statia li quatrì’ per magnà’ e vistisse, figuramoce se c’era per fasse ‘na svaporata, o ‘na pippata. Tra li contadì ce statia chj fumava le sfoje de granturco, li pampini sicchi dell’ua, o ‘ddirittura le scorze de le vite (viti), tutto stringato e cartecato dentro la pippa o ‘bbutulato (avvolto) dentro la cartina. Le cartine se comprava in pacchetti da 20, adèra fine fine, tanto che chjdù’, chj la putia romedià’, usava la carta vilina. Co’ le deta se tinia aperta la cartina, ce se spannia ‘gualito sopre lo trinciato (tabacco), se liccava lu vordu gommatu per chjude e la sigheretta adèra pronta. Le pippe se facia co’ li tutuli sgranati e po’ ce se ‘nnestava un cannellu de ligno o de canna. Co’ le canne ce se facia pure li vucchì” (bocchini).

“Lo fumo va a li velli e fa tosce li vrutti”.

“Bacco, tabacco e Venere, riduce l’omu in cenere”.

“Pe’ sparagnà’ su lo tavacco, quanno se java a lu mercatu, ce statia chj passava su li cinema e, da le donne de le pulizie, comprava li scartocci de ciche scopate da per tera. ‘Na orda a casa se spassava a aprille tutte e e tirà’ fori quello che ce statia. Li sighiri immece se comprava. Li vecchj più che atro fumava la pippa”.

“La pippa è menza compagnia”.

“Chj no’ ‘bbutulava le sigherette a casa, le comprava sfuse, 5 o 7, la patrona de lu spacciu le mittia dentro un sacchittellu de carta e te le dacia. De solitu adèra le Nazionali, le Nazionali Esportazione, senza firtru. Quelle che costava de mino. Sighiri, pippe e sigherette, se ‘ppicciava tutto co’ li furminandi (fiammiferi) de casa, ditti anche prospiri.
A quilli tempi le donne che fumava adèra rare, quarguna de città, tanto che ‘n’ aforisma de Mark Twain recitava: “Dio creò prima l’omu, po’ la donna. Po’ l’omu je fece pena e je dette ‘na sigheretta”. E da quella orda je se ‘ngnallì (gli si ingiallirono) li denti e le deta de la ma'”.

“Dottó’, pe’ li denti jalli che me cunzija?
– ‘Na cravatta marrone”.

“Fuma, fuma, si rmastu lu chassì” (lo scheletro).

“A li vecchj je se dicia: “Tanta pappa, poca pippa, gnènte peppa”.

“Spisso quanno se bboccava in quarghe caffè, o cucina contadina, do’ l’ommini jocava a carte e, le sigherette, ardia una derèto all’atra, vinia spontaneo di’: “C’adè ‘sta fumera, ‘sta fumareccia?” Se racconta che ‘na orda, un fiju che java derèto a l’accompagnu de lu patre mortu desse: “Vabbu mia te vojo tanto vè’, ma io ‘na svaporata gna che me la faccio”. E se scanzò pe’ ‘ppicciasse ‘na sigheretta”.
È assai probabile che le prime piante di tabacco siano state scoperte dagli europei nell’isola di Santo Domingo.
Il detto “Fumi come un turco” è nato alla morte di un Pascià oppressore. A questo evento il popolo turco tornò a bere caffè e fumare in modo eccessivo, quale reazione al divieto subito. Oggi però questa massima pare non valga più, in quanto, da alcune rilevazioni, a fumare di più, sembra siano i russi, i cinesi e i giapponesi”.

– “Staco cerchenno de lascià’ ji a fumà’.
– I proato co’ le carammèlle?
– Sci, ma no’ me se ‘ppiccia”.

“Staco cerchènno de lascià jì a fumà’ per gradi. Per adesso non me metto più le carze a sigheretta”.

“Atre marche de sigherette de ‘lli tempi adèra le Alfa senza firtru, le Stop, le Sax, le Colombo, le Calipso, ecc.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =