Scuola di musica Scodanibbio,
via al nuovo anno di attività

MACERATA -Tra le novità i corsi per l’insegnamento degli strumenti a fiato. Da segnalare anche la presenza di Francesco Savoretti con i suoi strumenti a percussione della tradizione mediterranea
- caricamento letture

 

International-Music-Friendship-2017-scuola-Scodanibbio-Mc-1-1024x576-325x183

Un momento dell’International Musical Friendship

Hanno preso il via alla scuola civica di musica Stefano Scodanibbio di Macerata le attività del nuovo anno scolastico 2021 – 2022. Il nono dall’apertura di questa importante realtà culturale della città reduce da un’estate ricca di importanti attività tra cui l’International Musical Friendship, gemellaggio con le scuole di musica tedesche, lettoni, polacche e italiane e il campus dell’Orchestra Sinopoli. «Continuiamo a sostenere e stare vicini alla Scuola civica di musica – interviene l’assessore alla Cultura Katiuscia Cassetta – con progetti condivisi per garantire ai bambini e ai ragazzi un’educazione musicale di qualità, per favorire la loro crescita culturale e per far vivere loro un’esperienza formativa con la musica, che costituisce un importante valore aggiunto».

concerto-scodanibbio-lauro-rossi

Un concerto al Lauro Rossi

Tra le novità del nuovo anno i corsi per l’insegnamento degli strumenti a fiato. In particolare la scelta va dal clarinetto al sassofono, al fagotto, al flauto che si aggiungono agli strumenti più classici tra cui pianoforte, chitarra, viola, violina, violoncello, contrabbasso e al canto. Da segnalare anche la presenza di Francesco Savoretti con i suoi strumenti a percussione della tradizione mediterranea. Altra novità dell’anno scolastico appena iniziato è la collaborazione con docenti di chiara fama per un proposta di “Accademia di perfezionamento” per violino con il maestro Aldo Campagnari, per pianoforte con Alessandro Cappella e per violoncello con Marcella Ghigi. «E’ già una bella notizia poter riprendere in presenza le lezioni, fare musica insieme, godere della bellezza delle melodie che i vari strumenti evocano – sostiene Adamo Angeletti direttore della scuola – Va sottolineato poi che lo studio della musica forma lo spirito umano come nessun’altra forma d’arte, educa i giovani all’ascolto, alla concentrazione, alla memoria. Come dico sempre ai miei allievi lo studio della musica aiuta anche ad andare meglio a scuola». La Scuola civica di musica è anche partner del progetto So.stare avviato lo scorso anno dal Comune.

Scuola-civica-di-musica-Scodanibbio «Nel mese di settembre si concluderanno le attività del bando So.stare – afferma Silvia Santarelli presidente dell’associazione Ut-re-mi onlus- ma continuerà la nostro proposta didattica. I bambini ed i ragazzi potranno continuare, divisi per età, a partecipare alle varie orchestre del Sistema, esperienza inclusiva e fondamentale per la crescita umana e sociale, che consentirà di avvicinarsi ai vari tesori della musica classica. Musica classica che sembra oggi lontana dal gusto moderno ma che con una adeguata educazione all’ascolto ed alla esecuzione, continua ad affascinare in modo impressionante anche coloro che pensano che la musica classica sia una esperienza morta. Vorrei inoltre sottolineare che l’Associazione Ut-Re- Mi in quanto onlus offre la possibilità di portare a detrazione fiscale eventuali contributi che ci consentiranno di poter continuare a dare la possibilità di frequentare anche a coloro che non possono contribuire economicamente alla frequenza». Per informazioni contattare la segreteria della scuola il pomeriggio al numero 320 9184169 o scrivere a musicamaceratacivica@gmail.com. Contatti e notizie aggiornate anche sui social della Scuola civica di Musica Stefano Scodanibbio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X