«Mense, dai primi riscontri nessuna criticità
Triste la continua polemica politica»

MACERATA - L'amministrazione replica alle critiche sul servizio nelle scuole, l'ultima arrivata da Baldantoni sulla Dante Alighieri: «Quando avremo i numeri complessivi delle richieste sarà possibile dare una risposta definitiva sull’organizzazione»
- caricamento letture
mense-mensa

Un bambino a mensa

 

«È triste continuare a vedere come l’argomento mense venga, ogni giorno, strumentalizzato e sia fonte quotidiana di polemica politica; questo rischia di far perdere di vista le questioni di merito, che sono poi quelle che interessano da vicino i nostri cittadini e soprattutto gli alunni. La verità è che il nuovo servizio è partito tranquillamente e a pieno regime e i pasti vengono cucinati con metodologie nuove che garantiscono qualità e sicurezza della filiera produttiva (trasporto e refezione compresi)». Inizia così la replica dell’amministrazione di Macerata alle critiche sul servizio mensa nelle scuole, l’ultima delle quali era arrivata da Francesco Baldantoni. L’ex segretario della civica di centrosinistra “La città di tutti” aveva denunciato che alla Dante Alighieri il servizio si farà su due turni, con gli alunni costretti ad aspettare fino alle 14 per mangiare. «Dai primi riscontri che arrivano dalle cucine non emergono aspetti critici rispetto alla gradevolezza del pasto e il monitoraggio è comunque continuo e costante e siamo pronti a intervenire per correggere e migliorare qualora fosse necessario – continua l’amministrazione – Registriamo con soddisfazione anche la grande professionali e disponibilità del personale quindi, per quanto riguarda le scuole primarie e dell’infanzia, si stanno rispettando tutte le procedure e le tempistiche prefissate. Dal 1° ottobre inoltre, come ogni anno, partirà anche il servizio facoltativo di refezione nelle scuole primarie di secondo grado Mestica e Alighieri – quest’ultima realizzata dalla passata Amministrazione senza una mensa interna -; al momento stiamo registrando un aumento della richiesta ma non sono ancora pervenuti, dalle dirigenze scolastiche, tutti i dati degli studenti che usufruiranno del servizio. Nonostante ciò, al momento, numeri parziali alla mano, stiamo valutando la migliore organizzazione che possa garantire un servizio di qualità. L’articolazione del servizio infatti dipende essenzialmente da due fattori: il numero degli alunni che lo richiedono e gli spazi disponibili per questioni legate al Covid. Quest’ultimo fattore, come si può immaginare e come è stato anche nell’anno passato, è fortemente condizionante a causa dell’emergenza pandemica che richiede il distanziamento di un metro tra un alunno e l’altro. È proprio per questo che è necessaria, come avvenuto lo scorso anno, la divisione in più turni del servizio. Quando avremo i numeri complessivi delle richieste sarà possibile dare una risposta definitiva sull’organizzazione della refezione scolastica alla Mestica e all’Alighieri che, lo ricordiamo, è un servizio facoltativo. Siamo a lavoro per poter garantire il servizio a tutti e accogliere più ragazzi possibili perché siamo vicini alle esigenze delle famiglie e alla tranquillità e serenità dei ragazzi».

 

«Alunni costretti a mangiare alle 14, aspettando un’ora senza far niente Non c’è personale per sporzionare i pasti»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X