Guasto all’illuminazione,
sospesa Cluentina-Chiesanuova

PROMOZIONE - Il match dell'Helvia Recina, valido per la seconda giornata di Coppa Italia, è stato interrotto a metà ripresa sul punteggio di 3 a 1 per i locali. Il vice presidente della squadra di Macerata, Efrem Ramaccioni: «A nostro avviso si riprenderà dal momento dello stop. Non è stata una situazione provocata da noi». Luciano Bonvecchi, presidente degli ospiti: «Ci atteniamo alla decisione del giudice sportivo»
- caricamento letture

 

Helvia-Recina-e1611770000559-325x210

L’Helvia Recina

 

Guasto all’impianto d’illuminazione all’Helvia Recina di Macerata: sospesa Cluentina-Chiesanuova. A metà secondo tempo, circa, e sul risultato di 3 a 1 per la formazione di mister Canesin, è andato in cortocircuito il quadro elettrico, costringendo la terza arbitrale ad interrompere la partita. Gli uomini di Travaglini sono passati in vantaggio con Pasqui, poi hanno subito le reti di Montecchia, Rogani e Mancini. I locali sono in completo controllo della partita, ma ecco che poco dopo il 20esimo della ripresa accade l’impensabile. «Io ieri non ero allo stadio ma mi hanno raccontato gli altri dirigenti – racconta Efrem Ramaccioni, vice presidente della Cluentina -. Inizialmente i fari si sono dimezzati e il direttore di gara ha provato a finire la partita. I custodi hanno provato a sistemare ma poi tutta l’illuminazione dell’Helvia Recina è andata in tilt. C’è stato un cortocircuito, si sentiva puzza di bruciato. A nostro avviso la partita si riprenderà dal momento dell’interruzione. Non è stata una situazione provocata da noi, che tra l’altro siamo ospiti all’Helvia Recina, in quando in affitto».

luciano-bonvecchi

Il presidente del Chiesanuova Luciano Bonvecchi

«Noi ci atteniamo alla decisione del giudice sportivo – dice Luciano Bonvecchi, presidente del Chiesanuova -. Poi dipende ovviamente da cosa l’arbitro ha scritto nel referto: se partita sospesa o interrotta. Mi sono fatto mandare il regolamento. Nei professionisti prevede che si riparte da dove si è fermati, mentre nei dilettanti quanto meno si ripete da capo e in alcuni casi si da partita persa. Ovviamente la sconfitta a tavolino per la Cluentina sarebbe ingiusta. Era impossibile riparare il danno in quel momento, si tratta di un evento straordinario. Comunque non siamo noi a decidere, staremo a vedere come si pronuncerà il giudice». A questo punto non resta che attendere la decisione del giudice sportivo. Se luce sarà, l’ultimo appuntamento del triangolare vedrà in scena il derby di Treia fra Chiesanuova e Aurora, mercoledì 13 ottobre. Lo stesso incidente era capitato in Coppa alla Civitanovese, al Polisportivo nel 2019, contro il Monturano Campiglione. Fu data sconfitta 3 a 0 a tavolino ai rossoblu. Quella volta, però, dopo il ricorso alla Corte sportiva, la sanzione fu rimossa (con la motivazione legata al violento temporale che si abbatté su Civitanova la sera del match) e la partita venne rimandata.

 

Non si vedono le righe del campo, Civitanovese-Corridonia non si gioca: i rossoblu rischiano lo 0 a 3 a tavolino



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X