Caldarola pronta ad ospitare
una famiglia afghana

ACCOGLIENZA - Lo ha stabilito una delibera approvata dall’amministrazione comunale, che mette a disposizione un appartamento in località Valcimarra, idoneo ad un nucleo di sei persone: «Ancora un gesto di solidarietà proveniente da una popolazione che sa bene cosa significa perdere la propria casa»
- caricamento letture

 

afghanistan-una-protesta-in-solidarieta-alla-popolazione-civile_w570-325x217

 

Il piccolo comune di Caldarola pronto ad ospitare una famiglia afghana. Lo ha stabilito una delibera appena approvata dall’amministrazione, che mette a disposizione un appartamento in località Valcimarra, idoneo ad un nucleo di sei persone. «I cittadini di Caldarola sanno bene cos’è la solidarietà – si legge nella nota del Comune -. In passato sono stati sempre pronti ad intervenire in aiuto delle popolazioni, italiane ed estere, colpite da tragedie come nubifragi, terremoti o guerre. E recentemente hanno ricevuto altrettanta solidarietà dopo l’immane devastazione che il sisma del 2016 ha portato in gran parte del paese caldarolese. L’amministrazione, quindi, per quanto possibile, intende, offrire sostegno e solidarietà alla popolazione afghana vittima della grave crisi che si è verificata nella loro terra di provenienza». L’immobile, composto da quattro appartamenti, è di proprietà dell’Enel. Recentemente ha subito una completa ristrutturazione per ospitare i nuclei familiari caldarolesi che avevano avuto la propria abitazione resa inagibile dal terremoto, ma di fatto rimasto parzialmente vuoto. Per questo motivo, recepita la proposta della Prefettura di Macerata di comunicare eventuali disponibilità di soluzioni alloggiative finalizzate all’accoglienza di cittadini afghani, e sentita l’Enel in merito al possibile cambio di destinazione, l’amministrazione comunale di Caldarola ha comunicato la propria disponibilità a far sì che gli appartamenti non utilizzati possano essere destinati all’accoglienza di cittadini afghani che hanno collaborato con le Forze armate della missione internazionale. «Ancora un gesto di solidarietà quindi proveniente da una popolazione che sa bene cosa significa perdere la propria casa», conclude la nota.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X