La banca si scusa per il disguido
«Mi invita a rivolgermi alla filiale di Tortona,
a 500 chilometri da casa mia»

MOGLIANO - Luigino Verdecchia ha ricevuto la lettera da Intesa San Paolo dopo che si era visto recapitare tre bollettini, poco più di 2mila euro l'ammontare complessivo, da pagare entro la fine di giugno per un mutuo che però è a carico dello Stato. «L'istituto ha ammesso l'errore, forse era meglio indicarmi una sede più vicina»
- caricamento letture

 

lettera_intesa

La comunicazione della banca

 

Finisce con un altro disguido, e la giuste dose di ironia, la vicenda che visto protagonista il moglianese Luigino Verdecchia. Aveva ricevuto a metà giugno da Intesa San Paolo 3 bollettini, poco più di 2mila euro l’ammontare complessivo, da pagare entro la fine del mese. La banca aveva chiesto il rientro mensile di un mutuo che non è stato mai contratto, o meglio, si tratta del finanziamento che i residenti nelle zone terremotate hanno acceso per la ristrutturazione della propria abitazione danneggiata, interamente coperto dallo Stato tramite la cassa depositi e prestiti. Un errore ammesso dall’istituto che, però, ha indicato la filiale di Tortona, a 506 chilometri da Mogliano, come quella a cui fare riferimento “per qualsiasi ulteriore necessità”, come indicato nella lettera in cui si specifica al cliente che i bollettini sono stati spediti per errore e che non devono essere pagati.

lettera_luigi_verdecchia-1-325x173

La risposta di Luigino Verdecchia

«In seguito alla comunicazione della banca e al vostro articolo – spiega Verdecchia – ho ricevuto una mail dal direttore della filiale che specificava che il pagamento era stato richiesto per errore e che quella mail sarebbe bastata e non avrei dovuto effettuare alcuna operazione. Ma visto che si trattava di una mail e non di una comunicazione ufficiale della banca ho preteso che la stessa inviasse una comunicazione ufficiale, arrivata ben oltre il termine di pagamento dei bollettini relativi alla comunicazione errata nonostante riportasse una data precedente al 30 giugno – conclude – . Inoltre, quando ho letto il nome della città in cui c’è la filiale a cui fare riferimento per eventuali esigenze, non ho potuto trattenere le considerazioni del caso. Tortona dista oltre 500 chilometri da Mogliano, capisco che specificare il nome della filiale in cui ho il conto, nella provincia di Macerata, sarebbe stato troppo semplice, ma mi sarei accontentato di potermi rivolgere alle sedi di Ortona e Cortona, che distano solo 167 chilometri dal paese in cui risiedo».

(Redazione Cm)

lettera_luigi_verdecchia-3

 

Pasticcio della banca, chiede ai terremotati 2mila euro, ma il mutuo è a carico dello Stato

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X