Rive diventa Rive.r,
i fiumi palcoscenico del festival

RASSEGNA - Appuntamenti a Montecosaro il 26 e 27 giugno e a Pollenza il 3 e 4 luglio con il progetto di arte ambientale diretto da Giorgio Felicetti
- caricamento letture

 

presentazione-rive-festival-2018-giorgio-felicetti-civitanova-FDM-6-325x217

Giorgio Felicetti

 

I due fiumi del territorio maceratese, il Chienti ed il Potenza attraversano due delle valli più densamente popolate delle Marche. Da questo sistema idrogeologico, prende avvio il progetto di arte ambientale Rive.r, con la direzione di Giorgio Felicetti. «La nostra barchetta festival, dalle rive dell’Adriatico risale la corrente per raggiungere i fiumi. È in questo territorio fluviale che, più che altrove, si riscontra la mutazione del paesaggio umano e ambientale della nostra regione, qui è in atto un repentino cambiamento delle condizioni territoriali ed umane, dopo i due grandi accadimenti e conseguenti sconvolgimenti sociali ed urbani che hanno segnato la vita dei marchigiani in poco tempo: il sisma e la pandemia Covid – sottolinea -. Quanto è cambiata la vita delle nostre comunità, come stiamo vivendo questo “dopo”, come poter vivere una natura che cambia, e che continua a ricordarci che il nostro modo di vivere è dannoso per l’ambiente, sono tematiche urgenti, che dobbiamo affrontare subito. In che modo? Attraverso un pensiero artistico. La natura stessa è un progetto artistico, basta saperla vivere. Per troppo tempo si è considerato i nostri fiumi, come la nostra grande discarica che tutto portava al mare. E invece adesso, dopo che la pandemia ci ha costretti per mesi in casa, molte persone, specie i giovani, hanno riscoperto i nostri fiumi, e questo bisogno di spazi naturali diventa scoperta, stupore. Alcuni ragazzi si sono riuniti e nel tratto del fiume Chienti che attraversa Montecosaro, hanno cominciato a lavorare, a pulire e ad aprire piccoli varchi, nuovi piccoli sentieri. I nostri, non sono i grandi fiumi continentali, sono “piccoli fiumi” come cantava Giammaria Testa, contenitori di tante piccole storie di uomini e di natura. Il festival si rivolge alle nuove generazioni e al mondo della scuola, per iniziare a costruire una nuova coscienza di vita comunitaria e studiare nuove modalità di vivere i territori, eco-compatibile con un ambiente fluviale. Rive.r coinvolge tutto il territorio, i comuni della rete, Montecosaro e Pollenza inizialmente, ma già altri comuni si stanno “imbarcando”, e ci sono le associazioni culturali e ambientaliste, le Pro Loco, i gruppi di giovani artisti residenti. La memoria dell’acqua, il paesaggio naturale che cambia insieme a quello umano, gli insediamenti industriali e il mondo del lavoro, il sistema di vita post Covid, sono tra i temi che verranno affrontati durante il festival. Si torna agli eventi dal vivo, e la valorizzazione del patrimonio culturale e artistico dei Comuni Rive.r, sono parte essenziale di tutto il cartellone in rete. Pertanto i Comuni in rete offriranno dei veri “itinerari marchigiani” di turismo culturale e naturalistico, per tutta la durata del programma dal vivo: il 26 e 27 giugno a Montecosaro, oltre la riva del Chienti, toccheremo l’Abbazia di Santa Maria a Piè di Chienti ed il borgo storico. A Pollenza il 3 e 4 luglio, dopo aver camminato lungo le rive del Potenza, avremo il privilegio di entrare nel parco dell’Abbazia Rambona, prima di concludere gli eventi nel meraviglioso Chiostro di Sant’Antonio. A passo d’uomo scopriremo che i nostri fiumi sono un palcoscenico artistico naturale. Il cartellone, in via di definizione, prevede molti appuntamenti, tra musica, teatro, camminate di scoperta, installazioni artistiche nella natura, workshop di fotografia ambientale, incontri con gli autori, presentazioni di libri, laboratori per bambini, con particolare attenzione all’infanzia, perché molto si è chiesto alle piccole generazioni durante l’ultimo anno, in termini di costrizione e di impedimenti. Dobbiamo saldare il debito con questi bambini, dedicando loro il massimo del nostro tempo futuro, ecco perché il primo appuntamento che ci piace segnalare è “Le piante cantano”. Un laboratorio di espressività artistica in natura a cura di Laura Della Valle e Riccardo Casentini. Il festival realizzato da Esteuropaovest, è sostenuto da Comune di Montecosaro, Comune di Pollenza, dalla Regione Marche, dallo sponsor Clinica Lab. Tutti gli eventi saranno ad ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti. Info e iscrizione laboratori: tel:3473665927. www.rivefestival.it. Facebook: RiveFestival.Instagram: rivefestival



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X