Resistenza dopo la tentata truffa,
condannato a un anno

CORRIDONIA - Il 30enne era stato arrestato il 22 maggio, oggi si è concluso il processo per direttissima al tribunale di Macerata
- caricamento letture
Awelima_Desmond_Processo_FF-1-650x434

Il tribunale di Macerata

 

Arrestato dopo aver fatto resistenza ai carabinieri che lo avevano sorpreso mentre tentava la truffa dello specchietto, oggi è stato condannato a un anno il 30enne Calogero di Fede. L’uomo era stato fermato dai carabinieri lo scorso 22 maggio. I militari avevano visto due auto ferme in via Zegalara, a Corridonia, ed erano andati a controllare. Di Fede, quando i militari, in giro con un’auto senza contrassegni, si era qualificati, era fuggito. Prima aveva quasi investito un carabiniere, poi si era allontanato a gran velocità con una serie di sorpassi azzardati e aveva preso una rotatoria contromano. La fuga era finita dopo che aveva avuto un paio di incidenti. Di Fede, originario di Praia a Mare, oggi è stato condannato a 1 anno per resistenza e lesioni nel corso del processo per direttissima. Il pm Francesca D’Arienzo aveva chiesto due anni. Il giudice Daniela Bellesi ha disposto la confisca dell’auto del 30enne. Resta sospeso il reddito di cittadinanza.

 

Fuga spericolata dopo la tentata truffa, convalidato l’arresto del 31enne: sospeso il reddito di cittadinanza

Inseguimento a Corridonia, investe un carabiniere e provoca due incidenti: arrestato



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X