Violenta rapina al bar:
il titolare portato a Torrette
Caccia al malvivente

MONTE URANO - Attimi di panico in via Polonia. Un rapinatore ha fatto irruzione nel locale con una pistola giocattolo. Il proprietario ha reagito e ha riportato lesioni al capo. Sul posto i carabinieri
- caricamento letture
1-21

L’intervento dei carabinieri

 

di Giorgio Fedeli e Simone Corazza

Irrompe nel bar, armato di una pistola, forse giocattolo, poi il rapinatore si scontra con il titolare che, purtroppo, ha la peggio. L’uomo, infatti, un pubblico esercente di origini cinesi, avrebbe riportato delle ferite alla testa. E per questo motivo i sanitari del 118, per lui, hanno richiesto l’intervento dell’eliambulanza. E’, in estrema sintesi, il fatto di sangue accaduto oggi pomeriggio, intorno alle 18,30 a Monte Urano, al bar Delfino, in via Polonia.

67ee8847-bc44-4d24-94a2-6864ca492660-1024x768Stando alle prime indiscrezioni, un giovane, parrebbe di origini dell’est Europa, ha fatto irruzione nel bar impugnando, almeno secondo alcune le prime informazioni, una pistola. Da lì la colluttazione con il titolare del bar che, però, a seguito dello scontro fisico col rapinatore, è rimasto ferito alla testa. Nel frattempo il bandito è scappato facendo perdere le sue tracce. Il barista è rimasto ferito a terra e subito, per lui, è scattato l’sos alla centrale operativa del 118 che così ha allertato i sanitari della Croce azzurra Sant’Elpidio a Mare-Monte Urano e l’automedica. E qualcuno avrebbe udito anche un colpo riconducibile a un’arma, ma non si esclude possa essersi trattato di un colpo a salve o del rumore di una qualche paratia andata in frantumi. Elementi, questi, al vaglio dei carabinieri che stanno conducendo le indagini. Arrivati sul posto, i sanitari hanno medicato l’uomo e i colleghi del 118 hanno ritenuto opportuno allertare, per lui, l’elisoccorso che infatti è arrivato a Monte Urano da lì a breve. Nel frattempo, sul posto anche i carabinieri del comando provinciale di Fermo, con, presente, il comandante Antonio Marinucci e il comandante del reparto operativo, Gianluigi Di Pilato, a coordinare le indagini. I militari dell’Arma, da un lato hanno raccolto, al bar Delfino, tutti gli elementi e gli indizi utili alle indagini. Dall’altra hanno fatto scattare la caccia all’uomo.

54265d83-f278-4c42-91ff-4a77c0fb62b8-1024x768 c96d410a-f735-4236-a5d0-8de206762cf3-1024x768 5a841c71-c6bc-4a43-85fd-35dc215f8c15-1024x7686465ef2e-19f5-499d-9630-835e873469ed-1-1024x768f22ec5d3-5697-4ef0-9435-16a48ccce480-1024x768 f280cf75-7966-4f24-912f-f7049f814cfc-1024x576 ac480b10-0e62-41b0-84fb-edcdf02b6049-1024x768

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X