«Ruderi, spiagge abbandonate
e situazione del fosso indecente
Tartabini-Casciotti: ora basta»

POTENZA PICENA - Protesta simbolica del Pd con tanto di striscioni contro la giunta: nel mirino i luoghi di Porto Potenza che secondo i dem sono stati lasciati nel degrado. LE FOTO
- caricamento letture
protesta-pd-potenza-picena-1-650x434

L’azione di protesta degli esponenti del Pd

 

«Lungomare trascurato, ruderi dell’ex casello ferroviario sempre più diroccati, spiagge libere abbandonate a se stesse e situazione del fosso a mare oltre il limite della vergogna». Questa, secondo il Pd, la situazione a Porto Potenza, in un Comune Bandiera Blu nel terzo weekend della stagione balneare.

protesta-pd-potenza-picena-10-325x217I dem hanno organizzato una simbolica protesta con tanto di striscioni, alla quale hanno partecipato tra gli altri i consiglieri comunali Enrico Garofolo (capogruppo), Valentina Campugiani e Matteo Santolini, la segretaria del partito Giulia Foglia oltre a Fausto Cavalieri, Stefano Dall’Aglio, Luigi Marconi, Massimo Vesprini, Romolo Gregori e Mario Morgoni. «Solo le temperature ancora basse e il tempo incerto che dissuadono molti dall’andare al mare evitano la catastrofe di immagine determinata dall’inettitudine dell’amministrazione di Potenza Picena – attacca il Pd – Le immagini testimoniano in particolare lo stato indecente del fosso a mare ma non riescono a rendere bene il fetore nauseabondo che emana il materiale biologico putrescente ormai depositato da tempo. Chiediamo scusa per conto dell’amministrazione ai residenti costretti a subire questo pesante disagio. Giunta Tartabini-Casciotti, ora basta».

 

 

protesta-pd-potenza-picena-2-650x434

protesta-pd-potenza-picena-3-650x433

protesta-pd-potenza-picena-4-650x433

protesta-pd-potenza-picena-5-650x434

protesta-pd-potenza-picena-6-650x434

protesta-pd-potenza-picena-7-650x434

protesta-pd-potenza-picena-9-650x434

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X