Seen City, buona la prima:
Natalia Giorgi e Leonardo Traini
vincitori ex aequo

PORTO RECANATI - Cerimonia conclusiva dell'evento, presente anche il regista Lazotti che ha girato nella città costiera le scene dell'infanzia per il docufilm su Mia Martini
- caricamento letture
I premiati al concorso Seen city - Let's play Marche 2020

I premiati al concorso Seen city – Let’s play Marche 2020

di Francesca Marchetti

Buona la prima, è il caso di dire per l’appuntamento conclusivo del concorso per cortometraggi realizzati da under 25 marchigiani “Seen City – Let’s play Marche”, in diretta streaming dalla Pinacoteca Moroni di Porto Recanati ieri pomeriggio. Tema del contest, che prevedeva anche votazioni online, la nostra regione Marche, con i suoi contrasti e le suggestioni che ispira.

Liberati, Mozzicafreddo, Leonardi

Liberati, Mozzicafreddo, Leonardi

L’edizione 2020 del concorso promosso dal Comune di Porto Recanati, Marche film commission e Fondazione Marche cultura in collaborazione con Tipicità, è arrivata al clou dopo vari rinvii dovuti alle restrizioni anti Covid. Presenti il sindaco Roberto Mozzicafreddo e l’assessora alla Cultura e turismo Angelica Sabbatini ma anche la consigliera regionale Elena Leonardi, porto recanatese. Conduttrice d’eccezione è stata l’attrice Rebecca Liberati, che ha salutato la giuria del concorso composta dall’attore Simone Riccioni, il regista Rosario Capozzolo e la sceneggiatrice Elena Casaccia. Madrina d’eccezione, l’attrice originaria di Fano Denise Tantucci, vista nelle serie tv “Sirene” e “Braccialetti rossi”.

Proprio lei ha premiato i due vincitori ex aequo per il miglior video, Natalia Giorgi (“Si prevedono schiarite”) e Leonardo Traini (“Io sono le Marche”). Il cortometraggio “Gli echi del monte Cardeto” ha ricevuto la menzione speciale per la regia a Davide Vassallo e per la recitazione a Edoardo Vitangeli. Menzione speciale per Fabian Khudi per “Picidae”mentre il video più votato sui social è risultato essere “Broken memories” di Andrea Capradossi e Lorenzo Poeta.

Sabbatini e Lazotti

Sabbatini e Lazotti

«Siamo estremamente soddisfatti della riuscita della prima diretta streaming con pubblico in presenza – ha dichiarato l’assessora Sabbatini – è stata una una sfida e i tecnici hanno svolto un lavoro egregio. I videomakers e gli interpreti si sono dimostrati talentuosi e molto ispirati, è stato difficile scegliere. Sono felice che abbiano avuto l’opportunità di far visionare le loro opere ad un regista di fama nazionale come Gianfrancesco Lazotti, presente in sala, e viceversa mostrare a lui gli scorci del nostro territorio attraverso gli occhi dei giovani artisti.

Liberati, Sabbatini, Olivucci

Liberati, Sabbatini, Olivucci

Le Marche hanno molte potenzialità dal punto di vista cinematografico, anche i borghi diventano set importanti. Grazie ad Anna Olivucci, responsabile di Marche film commission, Ivan Antognozzi della Fondazione Marche cultura, Angelo Serri di Tipicità abbiamo dimostrato che la collaborazione tra più enti del territorio può essere estremamente produttiva.»
I video del concorso possono essere visti sul canale Youtube di Marche Tourism

Anche Porto Recanati è stata per qualche giorno set delle riprese del docufilm su Mia Martini “Tu che sei diversa”. Il regista, Gianfrancesco Lazotti, ha presentato una anticipazione del girato nelle vie e nelle piazze della città, un bel binomio tra territorio e protagonisti narrativi per ricordare l’infanzia di un personaggio a noi molto caro come Mimì Bertè.

Prossimo appuntamento è la seconda edizione di Vediamocinemarche, l’evento che il Comune di Porto Recanati ha dedicato al cinema dal 2020. «Abbiamo presentato un progetto per un bando ministeriale sempre incentrato sulle nuove tendenze giovanili nella cinematografia del territorio – conclude Sabbatini – speriamo nel finanziamento ma si farà comunque. All’arena Gigli daremo di nuovo spazio alle nuove proposte così come ai nomi già consolidati.»

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X