«L’ospedale di Camerino sarà potenziato,
garantita la qualità dei servizi»

La REGIONE replica al sindaco Sandro Sborgia dopo la polemica sull'avviso di mobilità interna dei medici dell'Area vasta 3
- caricamento letture
ospedale-camerino-3-325x244

L’ospedale di Camerino

 

Ospedale di Camerino, la Regione: «Vogliamo potenziare il personale in servizio». È la risposta al sindaco della città ducale Sandro Sborgia, che aveva detto: «Il provvedimento amministrativo dell’Av3 smentisce clamorosamente le promesse e rassicurazioni circa il paventato rischio chiusura o ridimensionamento dell’ospedale di Camerino fatte dall’assessore Saltamartini, insieme ai consiglieri regionali Pasqui e Marinelli» aveva detto dopo aver letto l’avviso di mobilità interna rivolto ai medici di Av3 e in cui non era incluso l’ospedale camerte. La Regione chiarisce: «L’intenzione dell’azienda è quella, come già affermato dalla Giunta regionale, di potenziare le strutture dell’entroterra delle Marche, dando risposte precise nei territori e in particolare all’interno della provincia di Macerata colpita dall’evento sismico. Lo scopo è quello di creare una rete capillare, tra ospedali e territorio, in modo da dare risposte soddisfacenti e adeguate alla popolazione residente e anche ai giovani che vi afferiscono per motivi di studio. A tale scopo gli atti a cui si fa riferimento sono atti dovuti, nella prassi amministrativa, propedeutici alle procedure concorsuali in coerenza delle norme vigenti». La Regione aggiunge: «l’avviso si colloca come prima fase della procedura, che vedrà da subito l’acquisizione di nuove figure professionali attraverso l’utilizzo di concorsi già espletati, nelle seguenti discipline: cardiologia, chirurgia e ortopedia. Questo al fine di assumere nel più breve tempo possibile le unità di personale necessarie. È giusto precisare che questa direzione ha tutto l’interesse a mantenere le attività vigenti sul territorio e in particolare alla struttura di Camerino, sempre e comunque nel rispetto delle procedure e della prassi consolidata. È intenzione, inoltre, attuare un piano di supporto per non lasciare sguarnita la struttura, mantenendo fino al momento di una eventuale uscita l’attuale organico, anzi potenziandolo, garantendo in questo modo la qualità e la continuità dei servizi presso il presidio stesso».

 

L’accusa del sindaco Sborgia «Saltamartini, Pasqui e Marinelli: promesse smentite sull’ospedale»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X