Bebè ha fretta di nascere,
viene alla luce in casa
aiutato dall’autista della Croce verde

CIVITANOVA - Gianni Di Giacomo è intervenuto per una chiamata di soccorso: «Pensavo di dover fare un trasporto in ospedale, mi sono trovato ad aiutare a farlo venire al mondo». La mamma, Caterina Mora: «E' stata una grande emozione, per fortuna mio marito è rimasto lucido e ha chiamato subito l'ambulanza»
- caricamento letture

 

ostetricia

Il reparto di ostetricia e ginecologia di Civitanova

 

di Laura Boccanera

Il bambino ha fretta di nascere, mamma partorisce in casa con l’aiuto di un autista della Croce verde di Civitanova. Una gioia inaspettata nella notte a Civitanova dove Caterina Mora, una giovane mamma di 30 anni, è stata presa alla sprovvista dall’arrivo del piccolo Enrico. Il bambino, che sta bene e pesa 3 chili e 400 grammi, è il secondogenito di Caterina e di papà Lorenzo Vinciguerra, una coppia di Civitanova che vive in via Doria.

gianni-di-giacomo-e1617796904619-325x282

Gianni Di Giacomo, autista soccorritore della Croce verde

Enrico questa notte è venuto alla luce nel lettone di mamma e papà. E’ successo attorno alle 23,30 quando al 118 è arrivata la chiamata per un codice rosso: c’era una donna che stava per partorire. «Mi aspettavo di dover caricare e portare in ospedale una partoriente – racconta Gianni Di Giacomo il soccorritore della Croce Verde che ha assistito la ragazza -, ma quando sono arrivato non c’era più tempo. Ancora non era arrivata l’automedica ma in passato avevo assistito alla nascita delle mie figlie e mi era capitato un episodio simile sempre al lavoro per cui l’ho rassicurata e le ho detto di spingere. Subito è uscita la testa e in pochi minuti Caterina stringeva il suo bambino. Nel frattempo è arrivata anche l’automedica e abbiamo verificato che tutto fosse andato bene, abbiamo riscaldato mamma e figlio e poi li abbiamo condotti in ospedale». Il piccolo Enrico dove nascere l’11 aprile, ma ha pensato bene di anticipare di qualche giorno e arrivare nel bel mezzo della notte. «Quando ho capito che avrei partorito a casa mi sono un po’ agitata, per fortuna mio marito è rimasto più lucido e ha chiamato l’ambulanza – racconta dal reparto di ginecologia e ostetrica di Civitanova mamma Caterina – c’erano anche mio marito e mia sorella che nel frattempo aveva messo a dormire l’altro bimbo che ha 2 anni e per fortuna nel trambusto non si è svegliato. Probabilmente non ho ben interpretato le prime contrazioni e in pochi minuti Enrico è nato. Una grande emozione». Subito dopo la nascita mamma e bimbo sono stati portati in ospedale dove sono stati visitati dal pediatra e dal ginecologo e a breve potranno tornare a casa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X