Sante Rossetti in pensione
dopo 41 anni di lavoro
all’ospedale di Macerata

TRAGUARDO - La lettera dei familiari al tecnico radiologo, conosciutissimo nell'ambito sportivo per essere il massaggiatore della Maceratese
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Sante-Rossetti

Sante Rossetti

 

Dopo 41 anni di lavoro come tecnico radiologo all’ospedale di Macerata, Sante Rossetti appende definitivamente il suo camice, con tanto di mascherina e bandana. Da oggi, 4 gennaio, passa il testimone alle nuove generazioni.

Sante-Rossetti-4-300x400«Se da una parte è una persona sempre attenta ai bisogni altrui, disponibile e generoso con chiunque chiede una parola di conforto o un’informazione, dall’altra è un “cerino”, come lo definiva il suo primo capo tecnico, signor Cippitelli – scrivono i familiari -. Una parola di troppo o mal riposta fa scattare la sua reazione impulsiva, tanto è permaloso e suscettibile. Inizialmente è entrato all’ospedale di Macerata come tecnico radiologo nel reparto di Radiologia, poi si è prodigato verso la sua grande passione: l’Ortopedia, prediligendo le radiografie in sala operatoria, dove accompagnava le sedute con battute scherzose, assistendo ai tanti interventi con eccellenti primari. In tanti anni di servizio sicuramente in molti lo avranno incontrato lungo i corridoi dell’ospedale mentre corre da un reparto all’altro e su e giù per le scale. Famoso per la sua testa rasata, a volte polemico, altre scherzoso. Sempre con il sorriso affabile e affidabile come solo lui sa essere. “Antino”, così è chiamato dai compaesani di Pollenza, sua città natale, ha sempre riversato tutta la sua passione nel lavoro che ama, impegnandosi con estrema professionalità e serietà senza mai far polemica, accettando anche i turni a volte snervanti, senza mai risparmiarsi. È sua caratteristica, infatti, essere ligio al dovere recandosi al lavoro sempre, anche se qualche volta non in condizioni fisiche ottimali – ricordano i familiari -. Gli ultimi mesi della sua attività lavorativa sono stati contrassegnati dall’emergenza Covid-19 e come altri suoi colleghi l’ha affrontata con paura sì, ma sempre con serietà ed impegno costante e costruttivo. Ora, finalmente, può rilassarsi, eliminare la sveglia quotidiana delle 6.15 e dedicarsi con serenità alle sue grandi passioni: il calcio, il massaggio sportivo (è il massaggiatore della Maceratese, ndr) e la vita all’aria aperta. Dai suoi cari, buona e bella vita Sante».

Sante-Rossetti-2

Sante-Rossetti-3

Sante-Rossetti-1

snte-rossetti



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X