A postù de viastimà

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture

 

mario_monachesi-e1604822487762-325x257

Mario Monachesi

 

di Mario Monachesi

“Lo viastimà’ (bestemmiare, epiteto offensivo riferito a Dio o ai santi, o in generale ad una qualsiasi divinità), se rtroa da quanno adè natu Jisù Cristu. Dicia Jobbe (Giobbe): “La collera non ti trasporti alla bestemmia”. A tanti, anche in campagna, la fadiga, la rabbia per tutto quello che non java a versu, la miseria e la ‘gnoranza de li tempi, ce li portava e ppo’ de che tinta a zizzà’. Sgrisciuli che scuria lu munnu, c’era chj in attu de nervi calava jó tuttu lu paradisu. Ma ci statia anche tanta jente vona, timorata de Ddio, quisti, allora, quanno checcó’ java storto, a postu de di’ ‘na caterva de mocculi dicia atro: Porca simmola secca, porca somėnta, porca mammana (levatrice), porca ‘mbestata, mannagghja a la ‘mbestata, porca fregneca, porca manzetta, porca somara, porca lecca (scrofa), porca l’oca, porca cióetta (civetta), porca vijacca, porcu pintiló, porca cicerchja, porca paja, porca matassa, porca paletta, porca miseria, ‘urca miseria, per la miseriaccia nera, porco jesso (gesso), porcu sapó’ (sapone), porca matina, porca matinaccia nera, porca mignotta, porca zoccola, porca puttana, porca zozza, porcu bboja, porcu demoniu, ‘orcu ddiaulu, ‘orco cane, mannagghja a la morte, mannagghja a la pupazza, mannagghja a li pescetti, porca cipolla, porca ‘zzura (azzurra), porca fresca, porca luna, porca puzzola, accimocculu, acciderba, e che caulu, mannagghja a me e a lu stupitu che so’, ma quanto so’ tuntu (dal latino attonitus, attonito, sbigottito), ma quanto so’ babbeu (dal latino babbeus, impacciato), ma quanto so’ bacuccu (vecchio, decrepito, il nome deriva da una statua raffigurante il profeta Abacuc, scolpita a Firenze da Donatello), ma quanto so’ mammaluccu (dall’arabo mamluk, schiavo), mannagghja a te e a chj te tène per dote”.

“Po’ ce statia quelle che vinia ditte pe’ non di’ le pegghjo: “Porcoddina (anche porcoddinna), porco dingi, porca madosca, porca madoschetta, per la madosca, per la madoschetta, porca madoro, per la madoro d’un sordu, porca madorge, porca madopra, porco ddue, perdiana, porco diammene, porco zio, per la manopola, porco diammene, ė che diammene”.

“Quest’atre, dato che ce statia un proverbiu che dicia: “Porca fregna dice li frati quanno vellegna”, se le pirmittia un po’ tutti: “Mannagghja a la fregna de le porette, quella de zita cotta co’ l’oe, e ‘lla puttana de Orga”.

“Se tra li vestemmiatori ‘ncalliti c’era chjdù che ‘ntartajava, se dicia: “No’ streccia ‘na parola, ma li peccati li stega vè'”.

Si dice che le parolacce (non le bestemmie) siano state le prime parole pronunciate dall’uomo, perché gli hanno permesso sin da subito di esprimere minaccia, rabbia, sorpresa, senza fare fisicamente male a nessuno. In esse hanno trovato subito un moto liberatorio. La più antica e, forse la prima parolaccia in italiano, risale alla fine del XI secolo ed è “Fili de pute”, si trova scritta su di un affresco presente nella basilica di San Clemente in Laterano a Roma. Tra quelle più in uso all’epoca c’era “Figlio di un traditore” e “Figlio di un prete”. Nel VI secolo a. C. Pitagora quando si arrabbiava, pare dicesse : “Per il numero 4”. I greci invece imprecavano per l’aglio, per il cane, per la capra.

“Viastimà’, ma anche di’ le pegghjo parolacce senza un minimu de ritegnu, non è e, non è mai stato, véllo. In quelle case do’ li sgrisciuli (peccati) se dicia per corona, li vardasci criscia subbeto ‘mbarati. Anche li più picculi come sintìa, ripitia a cantilens e, se quarcunu ce ridia, issi facia pegghjo. Ogghj ce se ‘bbada (ci si fa attenzione) un po’ de più”. Anche Giuseppe Gioacchino Belli, in un sonetto, all’epoca ammoniva: “Primo, nun pijà er nome de Ddio in vano / bbada, nun biastimà, Pippo, che Iddio / ė Omo da risponne pe le rime. / Ma che ggusto sce trovi a ste biastime?…”.

Invece nelle Marche uno stornello recitava: “Te vurrio rcuprì’ de parolacce che nte possa pijà’ tremila gocce, / quanno parli co’ me fai tremila facce, / tu credi che la jente non te conosce…”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X