Si schianta col furgone della ditta
e inventa una rapina: nei guai 35enne

CALDAROLA - L'uomo aveva la patente sospesa, ma non l'aveva detto al proprietario dell'azienda. Così quando è andato a sbattere ha raccontato di essere stato aggredito fuori da un bar. E' stato denunciato per simulazione di reato
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Tolentino_Archivio_FF-10-325x216

La caserma dei carabinieri di Tolentino

 

Va a sbattere col furgone della ditta, si inventa di essere stato rapinato perché aveva la patente sospesa: nei guai un 35enne. L’uomo, un operaio italiano residente in provincia, è stato denunciato per simulazione di reato. Sono stati i carabinieri del Norm di Tolentino a incastrarlo. Venerdì sera il 35enne era a bordo del furgone della ditta per cui lavora, quando all’altezza di Sfercia a Camerino, ha perso il controllo in curva ed è andato a sbattere. Al titolare dell’azienda però ha raccontato che quando si era fermato in un bar di Caldarola, una persona lo ha avvicinato, lo ha colpito con un pugno portandosi via il furgone. Il titolare ha così denunciato l’accaduto ai carabinieri e sono partite le indagini. Nel frattempo il furgone la sera stessa è stato recuperato da un carroattrezzi, sulla fiancata i danni compatibili con l’incidente. Così quando ieri il 35enne è stato sentito dai militari dall’Arma, è stato messo alle strette e ha confessato tutto. La prefettura gli aveva sospeso la patente qualche settimana fa per fatti precedenti e lui aveva deciso di non raccontarlo al titolare dell’azienda, visto che col furgone ci lavora. Per questo quando si è schiantato aveva scelto di inventare una rapina piuttosto che raccontare al proprietario della ditta la verità.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X