Legno-arredo industria,
scaduto il contratto:
presidio a Tolentino

SINDACATI - La manifestazione domani (sabato 17 ottobre) in piazza della Libertà. A promuoverla la Rsu della Poltrona Frau assieme alla Fillea Cgil provinciale
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

matteo-ferretti

Matteo Ferretti

 

di Francesca Marsili

Portare all’attenzione l’inaccettabile ritardo del rinnovo del contratto nazionale del legno-arredo industria scaduto oramai da quasi 18 mesi. E’ questo l’obiettivo del presidio indetto dalla Fillea Cgil provinciale unitamente dall’Rsu Fillea Cgil dell’azienda Poltrona Frau per la mattinata di sabato 17 ottobre in piazza della Libertà a Tolentino. «La scelta di manifestare attraverso un presidio nasce dalla volontà di sollecitare la ripresa delle trattative nel prossimo confronto fissato per il prossimo 19 ottobre – commenta Matteo Ferretti neo segretario generale Fillea Cgil di Macerata – . Dopo sedici incontri terminati con un nulla di fatto tra la parte datoriale FederlegnoArredo e i sindacati di categoria è ora che si arrivi ad un rinnovo che attende da marzo 2019». Una piazza dall’alto valore simbolico quella di Tolentino scelta per la manifestazione. La rappresentanza sindacale unitaria Fillea Cgil della Poltrona Frau ha deciso di esporsi in relazione al fatto che i lavoratori dell’azienda tolentinate possiedono, oltre al contratto regolato a livello nazionale, anche uno aggiuntivo. L’auspicio dei promotori è appunto quello che il rinnovo contrattuale presenti degli elementi migliorativi anche per tutte le altre aziende del comparto legno arredo. «Abbiamo invitato a passare senza stanziare per non creare assembramenti – tiene a sottolineare Ferretti – speriamo con tale posizione di sollecitare la ripresa del confronto con la controparte, in assenza del quale, si procederà con lo sciopero indetto per il prossimo 13 novembre».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X