Condannato per violenza sessuale,
sentenza ribaltata in appello

CINGOLI - Sotto accusa è finito un 65enne, in primo grado il tribunale di Macerata aveva deciso una pena di 2 anni e 6 mesi
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

L’avvocato Massimiliano Cingolani

 

Condannato il primo grado per violenza sessuale, un 65enne prosciolto con formula piena in appello. L’uomo, di origine marocchina, residente a Cingoli, era finito sotto accusa perché avrebbe costretto il coniuge a subire rapporti sessuali contro la sua volontà. La donna inoltre sarebbe stata anche vittima di atteggiamenti violenti e aggressivi, sia verbali che fisici (l’accusa parla di calci e schiaffi). Inoltre l’avrebbe minacciata se non avesse smesso di lavorare e di indossare abiti occidentali. Dopo la condanna a due anni e sei mesi in primo grado per violenza sessuale, ieri l’uomo, difeso dall’avvocato Massimiliano Cingolani, è stato assolto con formula piena. La difesa aveva sostenuto l’inattendibilità di quanto dichiarava la vittima e il fatto che non vi fossero riscontri delle violenze e che dalle indagini erano emerse discrepanze per quello che riguardava i maltrattamenti che la donna diceva di avere subito (accusa da cui il 65enne era stato assolto in primo grado).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X