Quanno se java
a lu mercatu a piedi

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture

 

mario_monachesi

Mario Monachesi

 

di Mario Monachesi

Tant’anni arèto, a lu mercatu sittimanale su li paesi, o le città, ce se java moccó a piedi e moccó caminenno. Tutt’arpiu, per chj ce l’ia, c’era la vrigighetta.

Li contadì’ per fa’ mino strada, passava pe’ le scorte (gabbe), se lu tempu era vonu, traessava anche a campi. Poco prima de ‘rrià’, se cacciava li ciocchi e se mittia un paracciu de scarpe piu bone.

Le donne, co’ la canestra su la testa, portava a venne (vendere) le virdure e li frutti de stajó’. Pummidori, zucche, meragnani (melanzane), ‘nzalata, perseche (pesche) cerėsce, ecc d’istate, vrocculi, cauli, spinaci, fenocchj, gobbi, ecc d’inguerno. Quanno c’era, anche l’oe.

Tutto sirvia pe’ guadagnà’ checcosa, e po’, magari, fasse un gniru pe’ le vangarelle e comprà’ quello che putia èsse utele per ji avanti. Magari che pezzu de stoffa per fa’ un paru de carze (pantaloni) per l’ommini, e che zinale (grembiule) pe’ le donne.

L’ommini, sempre a piedi, ‘ccompagnava li tori o le manze da venne, a lu mercatu de le vestie. Lu patre, davanti a guidà’ co’ le morse, che fiju derèto a da’ che frustata co’ ‘na vizza.

Li contadì de la Madonna de lu Monte, co’ le vestie da venne, ‘cchjappava la scorta de Mattiacciu (Gironella), po’ su pe’ li Cappuccì’ Vecchj (chiesa di Santo Stefano), la mmattonata, le mura da vòra, li jardì’ e po’ jó fino a lu mercatu de le vestie de piazza Pizzarellu. Prima ancora, l’animali se portava lungo le mure de Porta Mercatu. Se chjama anche ogghj cuscì perché subbeto de rèto, dentro l’attuale piazza Mazzini, a ‘lli tempi ditta piazza de lu mercatu, ce statia le vangarelle de la robba. Tanto è viro che jó sotto l’iniziu de le Casette (borgo Cairoli), ce statia (ancora…dovrebbe esserci) ‘ na fonte chjamata Pozzo del Mercato, ditta pure Fonte de li contratti. Su ‘llu postu, compratù’ e vinnitori, otre a renfrescasse, se rtroava pe’ la stretta de ma’ “sbattuta” su la piètra, che “binidia” lu contrattu appena fattu.

Più o meno ‘rriatu minzujornu, le persó’, sempre moccó a piedi e moccó caminenno, rghjava tutte a casa. Solo che vergà’, perché commannava e ci-aia li sordi de lo vinnuto (delle vendite), se fermava a magnà in quarghe cantina. Lu piattu più richjestu era lo spezzatino co’ le patate e du’ tre vecchjerotti de vi’. Po’, satulli e co’ commidu, se ‘vviava a rghj a casa pure issi.

All’epoca lo comprà su le vangarelle vulia di’ sparagnà e murdo vè’. Penso che lu modu de di’ “a bon mercatu” (a buon prezzo), sia natu proprio a ‘lli tempi.

Più d’unu recorda che lu sabbeto le persó’ de Muntilipù (Montelupone) java a piedi a lu mercatu de Recanati. Spero de no’ sbajamme, ma lu sabbeto lu mercatu statia anche (e magari ancora sta) a Curidonia, Moro’ (Morrovalle), Citanó’ (Civitanova Marche), Camirì’ (Camerino), Cinguli, Cammurà’ (Colmurano), Gajole (Gagliole), Sansivirì’ (San Severino).

mercato-vallicelle

Il mercato di Vallicelle a Camerino

Lu lunnidi statia (e anche questi ancora stanno, ripeto spero di non fare errori. Se dovessi farne, chiedo scusa sin d’ora), a Montecascià’ (Montecassiano), Montemiló’ (Pollenza), Muccia. Lu martidì a Pievetorina, Fiuminata, lu Guardu (Gualdo), Mojà’ (Mogliano), Montefa’ (Montefano), Montesanto (Potenza Picena), Treja, Tulintì’, Urbisaja. Lu miccurdì a Macerata granne, Esanatoglia, Montecò’ (Montecosaro), Pitriolu, Pievebovigliana. Lu juidì a Pignà’ (Appignano), Pievetorina, Matelica, Monte Sa’ Gnustu, Sarnà’ (Sarnano). Lu venardi a Caldarola, Casterrimunnu (Castelraimondo). La domenneca a San Gninesio, Serrapetrona, Ussita”.

“…e quand’è vivu lu mercatu de Pignà’ / le vangarelle dendro e fori l’archi / tanda vèlla jènde ce poi ‘ngondrà”. Da “Pignà a colori” di Anna Zanconi.

Anche un canto popolare delle Marche intonava: “…te vole rfa lu capu, / te porta a lu mercatu / co’ la scattola d’argento / che pesa cinquecento / cinquecentocinquanta la gajina canta / canta la gajina, / lo pepe de Seratina…”.

“Chj non se recorda la filastrocca: “La pigrizia andò al mercato / e un caulu comprò / minzujornu era sonatu / quanno a casa ritornò. / Mittì l’acqua su lu focu / se sedette e ripusò / ed intanto a poco a poco / anche il sòle tramontò. / Cuscì persa ormai la lena / a lo scuro essa restò / e a lettu senza cena / la mischina se ne andò”.

“Lu mercatu adera anche un momentu pe’ ‘ncundrasse co’ l’atri contadì’, de parlà’ de la stajó’, de capì’ quanto java (quale era il prezzo) de lo gra, de li purchitti. A Macerata, l’ommini fatto tutto, se rtroava sotto le logghje e mentre ‘spettava le moji discuria de tutto”.

Inerente al mercato, non mancavano i proverbi: “Né in chjesa né a lu mercatu, / non ce ji ‘ccompagnatu”; “Du’ donne e ‘n’oca fa mercatu”. E non sono mancate neanche le canzoni, da “Al mercato di Pizzighettone” (Achille Togliani e il Duo Fasano, al festival di Sanremo del 1951), alla Fiera dell’Est di Angelo Branduardi: “…e venne il gatto, che si mangiò il topo, che al mercato mio padre comprò”.

“Tutto questo fino all’anni cinquanta (‘n po prima, ‘n po’ dopo), po’ cuminciò a vedesse li primi scarginati sirvizi de linea. La corriera vinia chiamata “la posta”. Non era difficile sentisse a dimannà’: “A che ora passa la posta?” “Adè passata la posta?” “Montava su passeggeri e puji dentro le soprte (borse), ‘ncartate d’oe e cunelli che che orda fugghjava pure”.

(Mario Monachesi)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =